spot_img

Brindisi, prossimo avversario Messina: difesa colabrodo, la peggiore in Serie C

Dopo l’ottimo pareggio interno in rimonta contro il Picerno, il Messina è già con la mente verso il prossimo avversario: il Brindisi. I pugliesi sembrano entrati in una spirale negativa di risultati, che li ha portati ad occupare l’ultimo posto in classifica. La squadra biancazzurra non vince da inizio dicembre e i numeri, in termini di gol fatti e subiti, sono disastrosi. Eppure, un allenatore esperto come Giacomo Modica sa benissimo come nelle partite apparentemente facili possano annidarsi le insidie più pericolose. Andiamo quindi a scoprire alcune statistiche e curiosità sul Brindisi, prossimo avversario del Messina.

Brindisi, prossimo avversario Messina: statistiche e curiosità

Vi abbiamo parlato della storia del Brindisi, prossimo avversario del Messina, alla vigilia della gara d’andata tra queste due squadre. I biancoazzurri hanno alle spalle un passato glorioso, fatto diversi campionati di Serie C/C1 e qualcuno anche in Serie B. L’apice fu toccato proprio negli anni ’70, con la vittoria della terza serie nel 1971-72 e ben 4 tornei cadetti consecutivi tra il 1972-73 e il 1975-76.

Negli anni successi è occorso un lento e costante declino, con l’ultimo campionato di Serie C1 disputato nel 1989-90 e mai più ritrovato. Almeno fino all’anno scorso, quando i pugliesi hanno vinto lo spareggio con la Cavese e ritrovato la Serie C. La gioia per questo traguardo ha però lasciato spazio alla triste e cinica realtà.

Quest’anno il Brindisi ha sempre stazionato nelle ultime posizioni in classifica, mettendo in luce diverse difficoltà. Oggi i pugliesi sono al 20° posto, in fondo alla classifica, con appena 17 punti fatti. A fronte di ben 19 sconfitte sono arrivati solo 4 successi e 5 pareggi, con le residue speranze di playout affidate più ai risultati delle dirette concorrenti che ai propri.

Attacco a segno col contagocce e difesa colabrodo: numeri da retrocessione

I numeri negativi del Brindisi, prossimo avversario del Messina, non finiscono certo con l’esagerato numero di partite perse. Detto che il successo manca ormai da 11 turni, i pugliesi hanno anche il peggior attacco del girone e la peggior difesa dell’intera Serie C. Infatti, i gol messi a segno dai biancoazzurri sono appena 18 in 28 giornate, pur contando prima su Simone Ganz e Cristian Galano e ora su Marcello Trotta e l’eterno Daniele Vantaggiato.

Come detto, però, se in avanti il piatto piange, in difesa va anche peggio. Il Brindisi ha infatti incassato ben 52 reti, dato peggiore di tutti i raggruppamenti della terza serie. Solo 4 volte la porta della squadra pugliese è rimasta inviolata in questa stagione, una delle quali proprio contro il Messina nella gara d’andata. I peloritani sono, per di più, una delle 4 squadre che ha perso contro i biancoazzurri quest’anno (le altre sono Monterosi, Latina e Sorrento). Ecco perché la strada che porta alla salvezza del Brindisi, anche passando dai playout, è più impervia che mai.

Gli esoneri non hanno dato frutti sinora

Per raddrizzare la stagione del Brindisi nulla sinora è sembrato bastare. Nemmeno la scelta di cambiare più volte la guida tecnica. La stagione dei biancazzurri è partita con Ciro Danucci, allenatore protagonista della promozione in C. L’avvio è stato, però, molto complicato: appena 3 vittorie e un pareggio nelle prime 15 partite. Da qui, la scelta della società di esonerare il loro tecnico e chiamare Giorgio Roselli.

Eppure, la decisione non ha dato i frutti desiderati, dato che l’ex Vibonese ha portato in dote appena una vittoria e 3 pareggi in 11 incontri. Così, dopo l’allontanamento di Roselli e il breve incarico ad interim di Nicola Losacco, è tornato proprio Danucci a guidare il Brindisi. Il secondo esordio dell’allenatore non è stato, però, particolarmente fortunato, dato che nell’ultimo turno è arrivata l’ennesima sconfitta stagionale.

LEGGI ANCHE -> Risultati Serie C Girone C: il Catania cade a Taranto

Casertana-Brindisi, gli highlights del prossimo avversario Messina

A seguire, potrete vedere gli highlights dell’ultimo match del Brindisi, prossimo avversario del Messina, che ha perso 2-1 in trasferta contro la Casertana. Iniziale vantaggio campano di Camillo Tavernelli, rimontato all’86’ da Davide Petrucci. Quando tutto sembrava indirizzato verso il pareggio, la Casertana ha però steso il Brindisi nel recupero, grazie alla zampata di Pietro Rovaglia.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli