spot_img

Palermo, possibile turn-over con il Como: in ballottaggio quattro posti

Tempi stretti in casa Palermo per preparare la sfida casalinga contro il Como, visto l’impegno dell’8 dicembre. La vittoria a Benevento ha restituito un po’ di ossigeno in classifica e ridato morale al gruppo. Soprattutto ha permesso a Matteo Brunori di superare un momento difficile dopo i due rigori sbagliati. Adesso però la sfida con i comaschi è un banco di prova per certificare che le due sconfitte con Cosenza e Venezia sono alle spalle. Gli impegni ravvicinati richiederebbero un turn-over e nel Palermo sono quattro i posti che possono essere interessati dalle sostituzioni.

LEGGI ANCHE -> Pioli: “A Palermo non mi ero inserito. Zamparini corretto con me, l’esonero…”

Palermo, possibile turn-over: rientra Marconi, dubbio Sala

Difficilmente verrà smontato l’impianto di gioco di Corini, che prevede un 4-3-3 pronto a diventare 3-5-2 a seconda dei momenti della partita. Questa idea di gioco per il mister di Bagnolo Mella è quella più congeniale alla rosa attualmente a disposizione e sarà così almeno fino al mercato di gennaio. Ma potrebbero cambiare alcuni interpreti, magari lasciati in panchina strategicamente contro il Benevento oppure che attendono con ansia una chance da titolare.

Nella prima categoria dovrebbe rientrare Ivan Marconi, uno dei più costanti per rendimento in questa squadra e leader del reparto difensivo. Uno tra Davide Bettella e Ionut Nedelcearu potrebbe lasciare il posto all’ex Cremonese: col rumeno Marconi ha giocato diverse partite, mentre con il numero 48 rosanero a diviso poco il campo. Ma c’è da dire che Nedelcearu ha giocato diverse partite, perciò il ballottaggio è serrato. Caso diverso riguarda il ruolo di terzino sinistro: Marco Sala è uscito anzitempo contro i giallorossi, anche se il cambio pareva più dovuto ai crampi. Se Corini volesse risparmiare l’ex Spal (noti i suoi problemi fisici) potrebbe trovare posto uno tra Roberto Crivello e Mladen Devetak.

In due “sognano” il posto da titolare

I calciatori rientranti in coloro i quali vorrebbero finalmente partire dall’inizio sono essenzialmente due: Leo Stulac e Luca Vido. Stulac, arrivato come il “colpaccio” del mercato estivo (insieme a Dario Saric), è scivolato lentamente in panchina sparendo dai radar. Gli impegni ravvicinati gli regalano una possibilità di giocare o da titolare o a partita in corso. Nel primo caso però la concorrenza è serratissima: infatti pare difficile che Corini si privi di Claudio Gomes dopo l’ultima straripante prestazione. Anche Jacopo Segre contro il Benevento ha dato segnali di miglioramento e potrebbe essere confermato. Perciò rimane un solo posto a disposizione e tre sono i candidati: oltre Stulac non va dimenticato Jeremie Broh (a riposo col Benevento) e Samuele Damiani, protagonista di un ottima prestazione domenica.

Discorso molto simile quello relativo a Vido, che a dirla tutta sin dall’inizio pareva più un vice-Brunori. Ma nel poco tempo trascorso in campo ha dimostrato che sa giocare anche affianco al numero 9. Se dovesse trovare spazio tra i titolari, più probabile un turno di riposo per Francesco Di Mariano che di Nicola Valente. Starà a Corini decidere se dare respiro a qualche titolare oppure affidarsi al suo undici base.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli