spot_img

Catania, arriva la prima sconfitta: il Santa Maria Cilento batte gli etnei

Il Catania esce sconfitto per la prima volta in questo campionato, perdendo la sfida con il Santa Maria Cilento. Gli etnei cadono in Campania perdendo 2-1 contro i giallorossi, in una partita tutt’altro che spettacolare da ambo le parti. Ma i giallorossi, molto bravi sul piano dell’agonismo, hanno indirizzato il match dove volevano, sconfiggendo la prima della classifica. Una sconfitta che in termini di vantaggio non costa nulla (pareggi per Locri e Lamezia Terme, lontane 10 punti). Ma visti anche i tre pareggi esterni prima di questa partita, si deve aprire una valutazione sul momento di forma degli etnei.

LEGGI ANCHE -> Serie B 18a giornata, risultati e classifica: turno da “2”, pari Reggina-Bari

Santa Maria Cilento-Catania, il racconto del primo tempo

Catania parzialmente rivoluzionata anche nel modulo nell’ultima trasferta del 2022, anche nel suo assetto classico. Ferraro infatti opta per un 4-3-1-2 con il blocco under guidato dall’esperto Ferrara (alla seconda presenza da titolare in tutto l’anno). Questo permette di schierare un trio d’attacco tutto over con Giovinco dietro le punte De Luca e Sarao. A centrocampo riposa Lodi (in vista del derby col Trapani): al suo posto Palermo, con Rizzo e Vitale a completare il reparto. Santa Maria Cilento schierato da Francesco Di Gaetano invece in campo con un 3-4-3, utile a favorire le ripartenze. Dopo 6 minuti il Catania può già trovare il vantaggio: ottima verticalizzazione di Giovinco per Sarao, abile a vincere un rimpallo e servire in area il solissimo De Luca. Questi però non trova il pallone a pochi metri dalla porta.

Per larghi tratti della partita è l’unico sussulto provocato ai pochi tifosi presenti nell’impianto. La partita infatti è spezzettata da diversi falli e mischie che non giovano certamente ai ritmi della stessa. Solo dopo il ventesimo minuto le squadre abbandonano solo in parte il furore agonistico e cercano di creare pericoli alla porta avversaria. Il primo a tentare ciò è Sarao che ha ben tre occasioni, due da dentro l’area di rigore e una da fuori, senza che trovi mai lo specchio della porta. A questo punto sono i padroni di casa a farsi vivi nell’area di rigore etnea. Prima Diop impegna di testa Bethers sugli sviluppi di un calcio d’angolo, poi trova la rete del momentaneo vantaggio. È Bonanno, sempre di testa, a punire l’estremo difensore lituano per la sua uscita avventata quasi ai limiti dell’area di rigore.

Il gol del Santa Maria Cilento arriva al 33′, ma appena 4 minuti dopo il risultato è di nuovo pari: merito di Palermo, abile a ribattere a rete il pallone, risolvendo una gran mischia in area. L’1-1 è il risultato su cui termina un primo tempo giocato male da entrambe le formazioni e di fatto sbloccato solo da episodi.

Secondo tempo

Per cambiare l’inerzia della partita Ferraro tenta la carta delle sostituzioni: fuori Ferrara, Boccia e Vitale (apparso troppo nervoso quest’oggi), dentro Somma, Lubishtani e Chiarella. Ma questo essenzialmente non accade, con la partita che offre uno spettacolo loffio, privo di emozioni. Tentativi velleitari quelli effettuati dai primi minuti della ripresa da Bonanno per i giallorossi e Russotto per gli etnei.

La prima della classifica si lascia guidare dai ritmi blandi della partita e dall’agonismo degli ospiti. Tanto che l’unica occasione degna di nota di tutto il secondo tempo per il Catania è un retropassaggio di testa di Morlando che sorprende Grieco, sfiorando l’autogol. Quando tutto lascerebbe intendere che la partita possa essere indirizzato verso un anonimo pareggio, a sorpresa arriva il vantaggio dei campani. Al 76′ un cross dalla sinistra manda in tilt la difesa degli etnei, con Lorenzini e Bethers che non riescono a liberare l’area di rigore. Il più lesto di tutti è Tandara, che da terra con una zampata beffa tutti. La reazione della capolista non è sufficiente a ribaltare questo ennesimo vantaggio, decretando di fatto la fine delle ostilità.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli