spot_img

Telimar, Baldineti: “Ci siamo superati, giocare senza pubblico è barzelletta”

Marco Baldineti si gode un Telimar Palermo fin qui esaltante. Ai microfoni di Sporticily.it, il coach della formazione palermitana sottolinea la bravura dei suoi ragazzi nella prima parte di stagione. Il tutto al netto dei soliti problemi: “Il bicchiere è assolutamente pieno. All’inizio della stagione nessuno avrebbe ipotizzato che noi saremmo stati quinti, neanche il più ottimista. A parte la partita di Salerno in cui abbiamo perso con decisioni arbitrali singolari, abbiamo perso contro Recco, Savona e Brescia. Abbiamo vinto a Napoli, a Quinto, abbiamo pareggiato a Siracusa. Direi che è stato un campionato eccellente, con tutte le difficoltà che ogni anno ci sono. Non abbiamo spazi acqua adeguati, siamo costretti ad andare a Terrasini”.

Un cammino straordinario

Baldineti ha posto l’accento sull’ormai annoso problema della Piscina Comunale, che non può ospitare pubblico. Un fatto che danneggia la squadra e che il coach apostrofa così: “Ormai per noi è quasi una barzelletta. Giochiamo praticamente in campo neutro, per gli avversari è sempre tutto più facile. Noi non abbiamo sostegno, a parte i nostri ragazzini che fanno entrare. Immaginate se il Palermo calcio giocasse tutto il campionato a porte chiuse”.

Marco Baldineti si aspettava un Telimar quinto alla fine della regular season? La sua risposta è eloquente: “Quando è uscito il calendario mi sono fatto uno schemino sulle squadre che si sarebbero giocate il sesto-settimo posto, dando alcune partite vincenti e altre perdenti. Non saremmo entrati nelle prime 7 secondo il mio schema. Questa è la conferma del fatto che la squadra si è superata, abbiamo fatto meglio delle aspettative. Nel primo anno abbiamo fatto benissimo, nel secondo e nel terzo anche, ma forse quest’anno anche per i cambiamenti che ci sono stati è stato il migliore”.

Il 2024 di Baldineti e del Telimar

I primi due mesi del 2024 saranno senza pallanuoto giocata. “Colpa” di Europei e Mondiali che consentiranno anche di tirare un po’ il fiato. Per Baldineti si tratta di una questione da gestire in maniera meticolosa: “Il problema sarà gestire questi due mesi. Non saremo al completo, mancheranno i due americani ed è sempre difficile stare fermi. Quest’estate abbiamo fatto solo 10 giorni di preparazione, ora due mesi sono tantissimi. Dovremo inventarci qualcosa, come trovare qualche squadra con cui giocare e allenarci. Poi sono convinto che questo periodo servirà per svolgere un buon lavoro con i ragazzi che ho potuto schierare meno, come Nuzzo e Metodiev, per fare quel che non ho potuto fare in questo intenso periodo”.

LEGGI ANCHE -> Astra Nuoto Telimar (risultato 6-9): palermitani al quinto posto, cronaca e tabellino

Cosa chiede Marco Baldineti al 2024, per sé e per il Telimar? Anche qui la risposta è chiara e accorata: “Chiederei un altro anno come questo passato. Abbiamo fatto anche da gennaio in poi abbiamo fatto un grande campionato, arrivando quarti. Chiedo la stessa cosa, ritornare nelle coppe europee. Penso che sia il massimo per noi, per la società e per la squadra”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli