spot_img

Palermo, Segre: “Voglio continuare così, puntiamo al secondo posto”

Jacopo Segre ci mette la testa per il suo Palermo. Il centrocampista ha segnato più gol di tutti con questo fondamentale, anche più di Harry Kane del Bayern Monaco. E a chi gli propone questo confronto, lui risponde con il sorriso: “Non scherziamo, sono contento per questa statistica, ma il paragone è forte, sono Jacopo Segre e sono felice di quello che sto facendo al Palermo. Sono numeri che fanno piacere a me e ai miei compagni, la voglia è di continuare così”.

Ma qual è il segreto per una mira così perfetta e una costanza così pazzesca nel segnare con regolarità e sempre con lo stesso fondamentale? Segre fa capire che c’è tanto lavoro dietro a un gesto in apparenza così facile: “E’ un mix tra il lavoro costante che facciamo e un po’ di fortuna. Io poi durante gli allenamenti mi inizio a fare i film della partita e studio dove posso colpire”.

Palermo, Segre tra gol e rinnovo

Tra l’altro, dopo il gol segnato in Palermo – Bari è arrivata una nuova esultanza per Jacopo Segre. Un gesto che è anche un simbolo per dimostrare quanto lui e la sua squadra credano in un obiettivo importante: “È stato Stulac a consigliarmelo. Porto la mano alla fronte come fanno i militari, ma è che un guardare all’orizzonte e sperare in grandi cose”.

Non solo campo per Jacopo Segre, visto che il Palermo vorrebbe rinnovargli il contratto. Una opzione che al giocatore sembra allettare molto. Anche perchè in rosanero c’è la possibilità di tornare in Serie A: “Ne stiamo parlando e la volontà mia è di continuare perché questa maglia dà un’emozione pazzesca, è la mia stagione migliore e a livello di squadra stiamo facendo delle belle cose”. E sulle voci di mercato, il numero 8 torna a glissare: “Non ne ho voluto sapere nulla, ho sempre voluto restare qui”.

Sfida a Brunori (e non solo)

Con il gol segnato al Bari, Segre è sempre di più il secondo miglior realizzatore del Palermo. Davanti a lui c’è solo Matteo Brunori, ma il centrocampista ha già avvertito il suo bomber e capitano: “Glielo dico ogni giorno: “Stai attento che ti vengo a prendere”. E’ un modo per esortarlo, abbiamo bisogno dei suoi gol”.

Tra l’altro, con i suoi 7 gol stagionali, Segre è vicino ad altri due centrocampisti goleador della storia del Palermo. Si tratta di Fabio Simplicio e Luca Rigoni, a segno rispettivamente 8 e 9 volte. “Li seguivo quando ero ragazzino – ammette l’ex Torino – , il Palermo è stata sempre una squadra che mi ha suscitato interesse. Speriamo di continuare a segnare anche in A. Doppia cifra? Prima devo pensare al bene della squadra, se i gol continuano ad arrivare sarebbe anche un bel traguardo”.

Palermo, la sfida di Segre

Il secondo posto è di nuovo alla portata del Palermo, nonostante qualche risultato che ha deluso i tifosi. Segre, dal canto suo, crede che ci siano tutti i presupposti per andare a prenderselo prima della fine del campionato: “Ci abbiamo sempre pensato, poi nell’arco di un campionato capitano alti a bassi, ma siamo a -5 e vogliamo prendercelo”.

Segre non era un titolarissimo del Palermo a inizio stagione. Ora, con l’arrivo di Filippo Ranocchia a gennaio, c’è ancora più concorrenza a centrocampo. A lui, però, sembra non importare: “All’inizio c’è stato un certo turnover, siamo una squadra con valori importanti, ci sta. La concorrenza aiuta da alzare il livello, accade in tutte le squadre che vogliono vincere. Servirà l’aiuto di tutti per l’impresa”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli