spot_img

Palermo Ladies Open, Paoletti vola nel main draw: “Giocherò tranquilla”

Il grande exploit del tabellone di qualificazione del 33° Palermo Ladies Open porta la firma di Matilde Paoletti. La giovane tennista umbra, classe 2003, batte anche la russa Tikhonova e accede al tabellone principale. Un traguardo importantissimo per una ragazza che arriva da un momento complicato: “In questi due anni ho potuto giocare molto poco per via di un infortunio. Ora sono contenta di essere tornata a giocare e di essermi qualificata al mio primo Wta. Ringrazio la federazione per la wc, in classifica ero molto indietro e c’erano ragazze messe meglio di me. Sono contenta di averla sfruttata al meglio”.

LEGGI ANCHE -> Palermo Ladies Open, Cocciaretto: “Sto crescendo, con la Errani sarà speciale”

Matilde, che ha sfruttato nel migliore dei modi la wild card ottenuta dalla Federazione, parla con molto orgoglio delle sue doti tennistiche. Al punto da far capire di non voler fare la comparsa a Palermo: “Sono sempre stata una ragazza con un gioco completo. Ho avuto anni difficili ma adesso sono contenta di giocare. Gioco tutti i colpi ma non è facile, quando si hanno tante armi vanno sfruttate al meglio. Sto lavorando con il mio team su questi aspetti”.

Palermo Ladies Open, Paoletti senza paura

Ora per Matilde Paoletti arriva la sfida del main draw. La sua avversaria al primo turno sarà la francese Oceane Dodin. Una partita da affrontare con la testa libera da pensieri: “Questo è uno degli obiettivi che mi ero posta, quello di giocare libera. Volevo spingere, fare gioco. Quella è la chiave. Ho saputo adesso di affrontare la Dodin. Il livello è altissimo, il mio obiettivo sarà sempre lo stesso”.

Tra l’altro la perugina giocherà al fianco di altre sei connazionali. Un ulteriore passo in avanti sotto lo sguardo vigile di Tathiana Garbin: “Sarà un onore far parte di questo grande gruppo azzurro. Alcune le conosco, sarà bellissimo. Ora devo pensare a giocare tante partite, poi guarderò la classifica. Il dritto è il mio miglior colpo, col rovescio gioco preciso ma col dritto prendo più campo”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli