spot_img

Palermo, la prima avversaria ai playoff di Serie C è la Triestina: tutto sulla squadra di Bucchi

Lo abbiamo già scritto nell’articolo dedicato ai sorteggi, l’avversaria del Palermo ai playoff di Serie C sarà la Triestina. La formazione giuliana ospiterà la gara di andata domenica 8 maggio allo stadio “Nereo Rocco” di Trieste, mentre quattro giorni dopo la sfida si sposterà allo stadio “Renzo Barbera”. Un confronto tutto da vivere contro la squadra allenata da Christian Bucchi, che è reduce da un bel cammino nella fase a gironi della post-season.

Un avversario da prendere con le molle, considerando che è pur sempre una squadra che ha giocato due partite negli ultimi cinque giorni. Un fattore importante, visto che nel frattempo gli uomini di Silvio Baldini hanno solo svolto sedute di allenamento, al netto di una partitella in famiglia disputata a porte chiuse sabato scorso. In ogni caso, come abbiamo già spiegato, il Palermo conta sul vantaggio del fattore campo nella gara di ritorno. Ma come abbiamo già spiegato nel pezzo che analizza lo svolgimento dei playoff, i rosa possono anche pareggiare nel punteggio complessivo sui 180 minuti per passare il turno.

Avversaria Palermo ai playoff, il cammino della Triestina

La compagine biancorossa è arrivata a questi playoff piazzandosi al quinto posto nel Girone A, dovendo dunque partire al secondo turno della fase a gironi. La Triestina ha potuto giovare dello scalino prodotto dalla Coppa Italia, visto che le due finaliste della competizione sono state Padova e Sudtirol, arrivate rispettivamente prima e seconda nel girone. In questo modo il Renate, giunto al quarto posto, ha potuto avanzare di un turno ai playoff senza praticamente giocare. Stessa cosa per la Triestina, che avrebbe dovuto scendere in campo già dal primo turno della fase a gironi.

Poi, come abbiamo scritto in precedenza, gli uomini allenati da mister Bucchi ha disputato una sola gara che gli è bastata per approdare a questo punto della post-season. La gara in questione è quella giocata proprio allo stadio dedicato alla memoria di Nereo Rocco contro la Pro Patria. Un match tutt’altro che facile, che si è risolto in favore della formazione friulana con il punteggio di 2-1. A deciderla è stato il cannoniere dei giuliani, ovvero Guido Gomez. L’attaccante nativo di Vico Equense ha sbloccato la partita nel primo tempo, prima di sigillarla con il gol della doppietta nel corso della ripresa. Gli ospiti hanno provato a riaprire i conti con il gol di Pesenti, risultato utile solo per le statistiche.

Palermo vs Triestina, i punti forti della squadra di Bucchi

Ma a cosa devono fare particolare attenzione i rosanero nella sfida contro la Triestina? La prossima avversaria del Palermo ai playoff per andare in Serie B, come si è visto proprio fino alla gara di ieri sera, conta soprattutto sulla vena realizzativa di Guido Gomez. L’attaccante campano classe 1995, non straordinario dall’alto di appena 5 gol in regular season, è stato decisivo contro la Pro Patria con la sua doppietta. A completare il reparto avanzato della Triestina ci pensano due vecchie conoscenze del Palermo nei suoi trascorsi in cadetteria. Stiamo parlando di Marcello Trotta e Giuseppe De Luca. L’ariete ha giocato contro i rosa tante sfide con la maglia del Frosinone, oltre a essere stato spesso a un passo dal club di viale del Fante in sede di mercato. La Zanzara, invece, ha fatto ottime cose soprattutto con il Bari.

Da tenere d’occhio ci sarà un’altra vecchia volpe del calcio italiano come il mediano Marco Crimi, proveniente dalla Reggina, e il talentuoso trequartista finlandese Lauri Ala-Myllymaki, arrivato a Trieste dalla vicina Venezia. La difesa è guidata da altri due giocatori di grande esperienza come l’ex blucerchiato Massimo Volta e l’altro centrale veterano Alessandro Ligi, mentre tra i pali è sfida aperta tra l’esperto Daniel Offredi e lo spagnolo ex Catania Miguel Angel Martinez.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli