spot_img

Palermo Cosenza (risultato 0-1), highlights: Canotto beffa i rosa nel recupero

Palermo sconfitto dal Cosenza al “Renzo Barbera” davanti a 26 mila tifosi nell’anticipo della sesta giornata di Serie B: il risultato finale del match è di 0-1. I rosanero sono stati beffati nei minuti di recupero al termine di una partita a ritmi altissimi, ma poco lucida. Ad avere la meglio alla fine sono stati gli ospiti con un’azione personale di Canotto, che si prende i 3 punti. La squadra di Eugenio Corini torna invece a casa a mani vuote. In fondo alla pagina gli highlights di Palermo-Cosenza. Domani le altre partite del turno.

LEGGI ANCHE -> Palermo Cosenza, le pagelle: Di Francesco-Aurelio bene, Brunori delude

Palermo-Cosenza, le formazioni ufficiali: continuità per Corini

L’undici titolare del Palermo per il match contro il Cosenza è all’insegna della continuità. Il tecnico Eugenio Corini ha schierato la stessa formazione della trasferta con l’Ascoli. Tra i pali c’è Pigliacelli. La coppia difensiva è quella collaudata, composta da Lucioni e Ceccaroni. A sinistra conferma per Aurelio, mentre a destra ancora Mateju. A centrocampo terzetto composto da Henderson, Stulac e Segre. Il tridente è con Brunori al centro, affiancato da Di Mariano e Di Francesco.

Il Cosenza invece opta ancora per il 4-2-3-1. In porta c’è il titolatissimo Micai. In difesa D’Orazio, Venturi, Meroni e Cimino. La coppia di centrocampo è Calo e Zuccon. Nel trio di trequartisti c’è Tutino, vecchia conoscenza del Palermo, insieme a Mazzocchi e Marras. L’unica punta è Forte, che è arrivato quest’estate ma con la maglia rossoblù non ha ancora trovato la via del gol.

Palermo-Cosenza, risultato 0-0 al 45′: ritmi alti ma senza gol

Il primo tempo non inizia bene per il Palermo, che soffre fin dai primi istanti del match la pressione del Cosenza. I rossoblù giocano alti e senza timore. È in questo modo che arrivano subito al tiro dalla distanza prima Tutino e poi Zuccon, che in entrambi i casi non inquadrano lo specchio della porta. La prima occasione per i rosanero arriva al 9’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo con un tiro al volo di Aurelio che viene parato da Micai. Pochi secondi e si corre però subito dall’altro lato con Forte che viene lanciato da un compagno, Pigliacelli è costretto a mettere in fallo laterale. 

Il Palermo dopo un quarto d’ora di gioco sembra essersi abituato ai ritmi alti imposti dal Cosenza. È da qui che nasce una bella intesa tra Brunori e Di Francesco, che recuperano palla e si presentano in area. Il numero 9 si allarga e serve al centro il compagno, che però spedisce il pallone tra le braccia del portiere, sprecando una ghiotta occasione. La chance più clamorosa però ce l’hanno gli ospiti al 18’, con Forte che si divora un gol dopo essere stato inavvertitamente servito da una sponda di Lucioni, che può tirare un sospiro di sollievo.

La squadra di Eugenio Corini continua a crescere intanto e ci riprova al 20’, con Di Francesco che, servito da Aurelio, spedisce ancora il pallone tra le braccia di Micai. Il portiere questa volta non trattiene e lascia il pallone nell’area piccola, ma ad avere la meglio alla fine è la difesa ospite. Sul rimpallo infatti Segre tenta una mezza rovesciata ma il pallone finisce fuori. Poco dopo ancora rosanero pericolosi con Di Mariano che mette al centro per Brunori, che non arriva a inserirsi per pochi centimetri. 

Il finale della frazione di gioco è più equilibrato e meno divertente rispetto all’inizio, con tanti palloni persi ed errori tecnici. Le due squadra ci provano ma le azioni sono concluse e portano ad un nulla di fatto. Nei minuti di recupero la squadra di casa reclama anche un calcio di rigore per un tocco di mano di un avversario, ma l’arbitro fa cenno che è tutto regolare e anche il VAR conferma la sua impressione. È così che il primo tempo di Palermo-Cosenza si chiude sul risultato di 0-0.

Palermo Cosenza, risultato finale 0-1: rosanero ko

Il Palermo che nel primo tempo ha dovuto adattarsi al gioco del Cosenza, facendo fatica ad impostare l’azione dalle retrovie con lucidità e affidandosi più che altro a contropiedi e inserimenti. La difesa dal canto suo ha dovuto fare gli straordinari per chiudere i rubinetti agli avversari. È in virtù di ciò che il tecnico Eugenio Corini cambia subito qualcosa nel suo undici all’intervallo: Aurelio resta negli spogliatoi, al suo posto Lund. Al 53′ arriva il primo cambio anche in casa ospite: esce Meroni per un problema fisico ed entra Sgarbi.

L’avvio della ripresa è comunque piuttosto simile a quanto visto nella prima frazione di gioco: azioni confuse che non sembrano dare l’impressione di portare al gol. A prevalere finora sono state le difese. Al 58′ intanto arriva il primo giallo del match nei confronti di D’Orazio per un fallo duro su Mateju. Negli istanti successivi c’è anche un faccia a faccia tra Lucioni e Tutino, su cui l’arbitro non estrae però cartellini. È un momento piuttosto teso della gara con tante interruzioni e poche idee.

Il cronometro però scorre ed entrambe le squadre si scaldano. Al 65′ Lucioni ruba palla a centrocampo e si immola verso l’area avversaria, al limite del quale serve Brunori. Il capitano però spedisce il pallone ancora tra le braccia di Micai. Non c’è tempo per respirare perché sul rinvio si vola subito dall’altro lato, con un contropiede di Mazzocchi che va al tiro e colpisce il palo esterno.

Il momento concitato viene spezzato dai cambi. L’allenatore rosanero Eugenio Corini rivoluziona il centrocampo schierando Vasic e Gomes al posto di Henderson e Stulac. Tra le fila degli ospiti dentro Viviani e Rispoli per Zuccon e Cimino. È proprio il neoentrato terzino dei calabresi a rendersi subito pericoloso con un cross all’indirizzo di Forte, che sfodera un bel colpo di testa e costringere Pigliacelli a metterla in calcio d’angolo. I rossoblù però non sfruttano il corner.

A dieci minuti dalla fine il risultato di Palermo-Cosenza è ancora fermo sullo 0-0. Il tecnico dei padroni di casa fa delle modifiche dunque anche all’attacco: Insigne rientra dopo l’infortunio e prende il posto di Di Mariano, mentre poco dopo Di Francesco lascia il posto a Mancuso. La speranza è quella di sbloccarla con i giocatori della panchina come accaduto ad Ascoli. Intanto anche Fabio Caserta con lo stesso obiettivo conclude i suoi cambi: escono Marras e Tutino per Canotto e Voca. L’ex del match si becca i fischi del “Barbera”.

Ad avere la meglio è proprio la squadra ospite. Nei minuti di recupero infatti è proprio il neoentrato Canotto che fa tutto da solo, lanciandosi verso la metà campo avversaria e sfoderando un gran tiro che spedisce il pallone all’incrocio dei pali, lì dove Pigliacelli non può nulla. Tanta tensione dopo la rete, con i calabresi che vanno ad esultare sotto la Curva Nord e vengono sommersi dai fischi: ammonito l’autore del gol e Tutino per avere istigato i tifosi avversari. I rosanero tentano un assalto last minute persino con un tiro di Lucioni, ma nulla da fare. Il risultato finale di Palermo-Cosenza è di 0-1.

Palermo Cosenza highlights: il video delle azioni salienti e del gol di Canotto

Di seguito vi mostriamo gli highlights di Palermo Cosenza, resi disponibili attraverso il canale Youtube ufficiale del club rosanero.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli