spot_img

Roberto Russo campione del mondo con l’Italvolley: il siciliano entra nella storia

Il volley italiano gode grazie alla Nazionale italiana maschile. Gli azzurri tornano sul tetto del mondo dopo 24 anni, conquistando il massimo alloro iridato al termine di un cammino clamoroso. In finale si sono arresi i padroni di casa della Polonia, dopo una partita straordinaria in un catino caldissimo come l’arena di Katowice. E l’Italvolley conquista in questo modo la medaglia d’oro mondiale anche con la presenza di un rappresentante siciliano: il suo nome è Roberto Russo.

Il pallavolista, centrale classe 1997, è nato a Partinico, comune a poche decine di chilometri da Palermo. La sua carriera ha raggiunto un culmine proprio in questi ultimi anni, in cui è diventato un pilastro della Sir Safety Perugia. Tra le fila della compagine umbra riesce anche a portare a casa i suoi primi trofei in ambito nazionale, con due supercoppe italiane conquistate e con la Coppa Italia alzata al cielo pochi mesi fa. Il suo cammino, però, è iniziato nei suoi primi anni di vita, a pochi passi da casa. Fu il Partinico a dargli spazio per primo, dopo un inizio in cui sembrava che il calcio potesse essere il suo sport. Per fortuna, Roberto Russo ha cambiato idea.

LEGGI ANCHE -> Saber Palermo, si riparte. Locanto: “Guardiamo al futuro con entusiasmo”

Roberto Russo, un cammino da campione fino all’Italvolley

Tanti anni nella squadra di casa, poi la decisione di andare via. Nell’estate del 2014, infatti, Roberto firma per il Club Italia, compagine che all’epoca dei fatti militava in Serie B2. L’anticamera del grande volley nazionale gli consente di rodarsi prima di affacciarsi a pochi passi dalla massima serie. Nel 2017, infatti, giocherà le prime partite in Serie A2 e verrà notato dalla Porto Robur Costa, formazione di Superlega. È l’occasione giusta per Russo, che finalmente esplode, viene eletto miglior Under 23 del campionato e viene notato dalle big. in particolare da Perugia che se lo porta a casa e che vivrà con lui tre stagioni magiche.

Intanto anche la Nazionale iniziava ad aprirgli le porte. Nel 2015 l’inizio in Under 19, poi l’avanzata tra la Under 21 e la Under 23. Nel 2018, nel giro di appena tre anni, la prima chiamata nella Nazionale maggiore. E anche il primo trofeo, ovvero la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo dopo poche settimane. Ora però c’è da festeggiare ben altro successo, quello più importante in assoluto. Proprio così, perchè Roberto Russo è campione del mondo con l’Italvolley!

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli