spot_img

Messina, Modica: “Noi bravini ma Casertana sotto le aspettative, avanti così”

Giacomo Modica, allenatore del Messina, ha parlato al termine della partita con la Casertana, terminata con una vittoria per 0-2 in favore dei peloritani. Partita dominata dai giallorossi, che non hanno lasciato nulla d’intentato contro un avversario molto forte, ma evidentemente non in giornata. Grandi complimenti del tecnico al gruppo squadra, capace di un grande spirito di sacrificio.

Messina, Modica: “Prestazione favolosa, conosciamo la nostra dimensione”

Queste le parole di Modica al termine di Casertana Messina: “La Casertana sin qui ha fatto un capolavoro di campionato, mentre noi abbiamo vissuto alti e bassi. Oggi mi godo una prestazione favolosa di questi ragazzi. Abbiamo sbagliato poco ma abbiamo anche capitalizzato meno di quanto abbiamo creato. Andiamo avanti, oggi siamo stati ‘bravini’, vedremo la prossima come andrà”.

Il tecnico esalta la prova del gruppo ma anche la capacità dello staff tecnico di esaltarsi nelle difficoltà. Anche quando si parla di valorizzare i giovani calciatori: “Conosciamo la nostra dimensione. Stiamo portando avanti i piani aziendali con il minutaggio dei giovani giocatori. Una cosa che facciamo dalla prima giornata di campionato. Siamo in linea coi programmi, pur sbagliando tanto. Eppure, abbiamo fatto anche cose buone, anche se delle volte sembra tutto da buttare”.

LEGGI ANCHE -> Casertana-Messina, pagelle: Emmausso e Salvo sugli scudi, bene anche Rosafio

Modica: “La squadra si diverte. Cangelosi? Siamo figli della stessa filosofia”

“La squadra si diverte a lavorare assieme ed attraverso il gioco”, prosegue Modica. Oggi si sono fatte cose importanti, per impegno e dedizione. Siamo venuti a fare la partita a Caserta nonostante le assenze. Oggi avevamo aggregato anche dei ragazzi molto giovani, questo la dice lunga sullo spirito dei ragazzi”.

Modica spende poi parole al miele per il collega Cangelosi, come lui legato a doppio filo ad un certo tipo di calcio: “Pensando alla storia mia e di Cangelosi, sapete che siamo figli calcisticamente di Zeman. Veniamo da una filosofia precisa: di giocare a calcio sempre, a prescindere dal risultato. Si vince e si perde, fa parte dello sport. Ma l’importante è il lavoro che c’è dietro una partita. Quando si gioca un campionato, una squadra può vincere. Gli altri si guardano solo come sconfitti, ma conta anche altro”.

Modica: “Il 4-2-3-1 figlio della necessità. Fumagalli jr? Non è tempo di esperimenti”

Modica spiega poi come ha deciso per il 4-2-3-1 con cui il Messina è sceso oggi in campo: “Con Cangelosi ci conosciamo da quarant’anni. Ho cercato di disturbare il loro regista, ma la decisione è figlia anche di una situazione particolare, di necessità. Ho messo i tre under che mi davano garanzia. Oggi siamo stati fortunati, anche perché la Casertana è stata al di sotto delle aspettative. Senza nulla togliere meriti a squadra e allenatore, faranno bene in campionato”.

Infine, una battuta per Jacopo Fumagalli, figlio di Ermanno e convocato in extremis per le assenze in casa Messina. Modica taglia corto: “Ho pensato alla nostra situazione di classifica, non era tempo di fare esperimenti”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli