spot_img

Marco Biagianti allenatore del Catania Primavera: una vita in rossazzurro, anche in A

Dopo l’ingresso nello staff tecnico della prima squadra di Michele Zeoli, il Catania Primavera doveva puntare su un nuovo allenatore e questo è arrivato: si tratta di Marco Biagianti. L’ex centrocampista, nato a Firenze ma ormai catanese d’adozione, è stato promosso dall’Under 17 etnea. Questo il comunicato della società etnea: “Catania Football Club rende noto di aver affidato la guida della squadra under 19 impegnata nel campionato Primavera 4 a Marco Biagianti, coadiuvato dall’allenatore in seconda Giuseppe Calvaruso. La formazione rossazzurra under 17 che partecipa al campionato riservato alle società di Serie C sarà diretta dal tecnico Giuseppe Costanzo, seguito dal vice Angelo Rapidà. Sulla panchina del nostro team under 17 regionale Umberto Fabiano, che potrà contare sulla collaborazione di Alberto Di Rosa”.

Per Biagianti, legato al Catania sin dalla rinascita con Ross Pelligra, c’è quindi un nuovo incarico. Ecco una scheda che ripercorre la carriera di Marco Biagianti, legata a doppio filo con Catania.

LEGGI ANCHE -> Curiale: “Messina-Catania, il pronostico sul mio derby. Lucarelli gran motivatore”

Chi è Marco Biagianti, nuovo allenatore del Catania Primavera

Chi è Marco Biagianti? Classe 1984, nato a Firenze, è cresciuto calcisticamente nella Fiorentina. Biagianti ha poi girovagato per l’Italia, vestendo le maglie di Fano, Chieti e Pro Vasto prima di arrivare nel 2007 a Catania. E da qui, praticamente, si può dire non si sia più mosso o quasi. Partito inizialmente come riserva di gente come Davide Baiocco, Mariano Izco e Mark Edusei, Biagianti si è pian piano ritagliato i propri spazi, divenendo un perno della squadra. Nel 2009-2010 la sua migliore stagione in termini assoluti in Serie A, con 36 presenze e 3 gol stagionali.

Finito fuori dai progetti tecnici della squadra, Biagianti ha accettato nel 2013 l’offerta del Livorno, con cui ha giocato per 3 anni, prima di tornare a furor di popolo a Catania. Qui decise di tornare, al capezzale di una squadra retrocessa in Serie C per i noti fatti dell’inchiesta “I treni del Gol”. Rimase per altri 4 anni, sfiorando almeno un paio di volte il ritorno in Serie B, proprio con Lucarelli in panchina.

Alla fine del campionato 2019-20 prese la decisione di chiudere col calcio a 11, ritirandosi per dedicarsi ad altro. Chiuse la sua carriera sportiva con 284 presenze e 12 gol segnati con la maglia etnea addosso. Dei colori che, anche dopo il ritiro, gli sono rimasti cuciti addosso.

La breve esperienza nel Meta Catania e l’ingresso in società nel 2021

Prima di smettere totalmente di giocare, Biagianti si è dedicato per qualche tempo anche al Calcio a 5. Anche in questo caso però difendendo i colori della città di Catania: Biagianti infatti fu tesserato con il Meta nel 2020-21. Poche partite, prima di fermarsi definitivamente e iniziare la carriera dirigenziale.

Il Catania lo riporta a casa nell’estate 2021, facendolo diventare club manager. Il tutto mentre la società etnea viveva già la sua crisi economica, che avrebbe portato poi al fallimento nel 2022. Biagianti però accetta di rimanere anche in Serie D, assumendo il ruolo di team manager e poi, nell’estate 2023, quello di allenatore dell’under 17. Ora una nuova chance per la bandiera etnea.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli