spot_img

Catanzaro, Vivarini: “Non ci aspettavamo formazione del Palermo, vittoria meritata”

Vincenzo Vivarini si gode l’ennesima impresa del suo Catanzaro. Queste le parole del tecnico dei giallorossi dopo la vittoria sul campo del Palermo: “Faccio i complimenti ai ragazzi, hanno interpretato la partita nel modo giusto. Non era facile giocare così contro il Palermo, con grande personalità. Le occasioni sono state tante. È chiaro che il Palermo a tratti ci ha messi in difficoltà, ma abbia fatto 2 gol e provato a chiuderla. Alla fine gli avversari hanno spinto tanto, ma va bene. Dobbiamo imparare a superare certi momenti. È tutto positivo. Ringrazio i tifosi rosanero che ci hanno apprezzato e riservato anche qualche applauso. Il nostro obiettivo è giocare bene a calcio”.

Il Catanzaro di Vincenzo Vivarini continua a volare e attualmente sale al terzo posto. Una crescita costante di cui il tecnico è senza dubbio artefice: “Stiamo migliorando. In Serie B non basta quello che facevamo l’anno scorso. Oggi siamo stati bravi coi vertici. Anche su altre situazioni. Il lavoro difensivo è diverso. Non abbiamo mai accettato l’uno contro uno per la qualità degli avversari. La crescita è evidente. Il campionato però è lungo e difficile. Dobbiamo rimanere concentrati. Le sconfitte non sono arrivate per caso, ma perché gli avversari sono di livello alto. Serve consolidamento. Oggi però ci prendiamo le nostre soddisfazioni”.

LEGGI ANCHE -> Palermo Catanzaro, le pagelle: Gomes da horror, Stulac l’unica luce

Catanzaro, Vivarini applaude la squadra

Lo schieramento del Palermo dal primo minuto ha spiazzato Vivarini. In ogni caso la sua squadra è stata brava ad adattarsi e a dominare sul piano del gioco: “Non ci aspettavamo l’11 iniziale del Palermo, pensavo puntasse su una formazione consolidata. Ho cambiato qualcosa quando ho visto le ufficiali. Dentro lo spogliatoio abbiamo preparato una nuova partita, modificando le uscite. I ragazzi sono stati bravi. Abbiamo nelle nostre corde il 3-4-3 e il 3-5-2, per cui l’adeguamento è stato immediato. Nel finale abbiamo temuto il pareggio. Di Francesco è stato bravo nell’uno contro uno e nel mettere palla dentro. Il Palermo ci ha creato qualche difficoltà. Il risultato però penso sia meritato”.

I cambi hanno fatto abbassare molto il Catanzaro, ma Vivarini spiega. Soprattutto la sostituzione di Vandeputte ha reso la squadra molto meno pericolosa: “L’uscita di Vandeputte è stata richiesta da lui, anche quella di Katseris. Avevano i crampi, non ce la facevano più. Anche Ghion. Gli attaccanti stessi hanno corso tanto, lavorando in inferiorità numerica. I cambi sono stati quasi tutti obbligati e conservativi. Ci siamo un po’ difesi per cercare di contenere la spinta del Palermo”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli