spot_img

Palermo, Corini: “Esonero? Ho parlato col club, credo nella squadra e vado avanti”

Eugenio Corini è deluso per l’ennesimo passo falso del Palermo. Queste le dichiarazioni rilasciate dal tecnico rosanero dopo il ko con il Catanzaro al “Barbera”: “Il risultato non è quello che volevamo, l’obiettivo non è raggiunto. Avevamo risorse limitate e giocatori da gestire, è questo quello che possiamo dimostrare. Ho visto volontà di reagire a un momento difficile e aggressività. Abbiamo pagato a caro prezzo una disattenzione a fine primo tempo e una a inizio ripresa. Dopo 10′ siamo rientrati in partita. Abbiamo anche avuto la chance per pareggiarla. Ho visto quello che volevo vedere”.

LEGGI ANCHE -> Catanzaro, Vivarini: “Non ci aspettavamo formazione del Palermo, vittoria meritata”

Palermo, le scelte tattiche di Corini

Corini ha cambiato pelle al Palermo dal primo minuto. Il tecnico spiega così la scelta di un netto e radicale cambiamento sul piano tattico e degli uomini: “La valutazione sulla formazione è ampia. Volevo pressare molto alto il Catanzaro, con cinque giocatori. L’ampiezza era coperta per essere aggressivi sulle giocate intermedie. Abbiamo perso pressione solo dopo il 2-0, che ha fatto prendere loro coraggio. La squadra dopo ha spinto per provare a pareggiarla. Le aspettative erano tante. Non è bastato quello che abbiamo fatto. C’è delusione, immaginate l’aria che respira nello spogliatoio. Il campionato però è lungo e difficile e possiamo rientrare nella zona di interesse della classifica”.

Francesco Di Mariano e Federico Di Francesco sono al centro delle domande dei giornalisti. Corini spiega perchè ha di fatto concesso una “staffetta” ai due fantasisti del Palermo a sua disposizione: “Di Francesco aveva un minutaggio limitato. Tenere in panchina Valente mi permette di cambiare sistema in corso. La scelta di Di Mariano è stata tattica in funzione di quanto visto nel primo tempo. A centrocampo ho scelto due mediani aggressivi. È mancato qualcosa sulle conclusioni. La partita è stata avara di occasioni pericolose”.

La pressione psicologica

Corini ammette che c’è tanta pressione addosso al Palermo. Non manca l’ennesimo sfogo del tecnico rosanero di fronte a un’altra serata negativa: “Soffriamo tutti di questo momento, la delusione dei tifosi è la nostra. Ci hanno dato tanta motivazione, era quello di cui avevamo bisogno. La squadra però questo può esprimere ora. Chi vuole ci sostenga, chi non vuole ci critichi. Abbiamo poca leggerezza mentale e in casa giochiamo peggio che fuori, dobbiamo lavorare su tutti questi aspetti per trovare delle soluzioni. Gli infortuni hanno penalizzato. Ha abbassato i livelli di allenamento, perché ci alleniamo con meno giocatori. Non siamo stati bravi a reagire alla mancanza di risorse. La pressione avvertita è forte. A Brescia abbiamo reagito bene, col Cittadella meno. Dobbiamo continuare a lavorare forte”.

Corini teme l’esonero? A giudicare dalle sue parole, no. Anche perchè ribadisce il sostegno e l’appoggio da parte degli elementi operativi della dirigenza: “Le ultime partite hanno un trend negativo. Ho parlato con Rinaudo e Gardini. Ho detto loro che ho le energie per andare avanti e che credo nei miei giocatori. Ho ricevuto risposte, per cui sono qua e spingerò fino al massimo. Per me è una grande occasione, vado avanti e darò sempre il meglio finché me ne sarà data la possibilità”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli