spot_img

Casertana, Cangelosi: “A Catania in emergenza, attacco etneo da bloccare”

Vincenzo Cangelosi presenta la sfida tra Catania e Casertana. Il tecnico della formazione campana fa capire quanto sia importante questo match, valido per la 25a giornata di Serie C Girone C. L’obiettivo è quello di invertire la tendenza: “La partita di domani si gioca da sola, in quanto dà grandi stimoli per tanti motivi. Giochiamo in uno stadio importante dove ci sarà tanta gente sugli spalti. Quindi è una partita che si prepara da sola. E poi giochiamo contro una squadra importante, che a gennaio ha cambiato tanto”.

Cangelosi, al tempo stesso, sottolinea le difficoltà della sua Casertana in vista di Catania. Si tratta in particolare di problemi numerici: “Siamo in emergenza, ci manca tanta gente, partiremo in 19. Non saranno convocati Damian, Montalto, Casoli e Tavernelli, mentre recuperiamo Celienti e Proietti. Questa settimana giocheremo tre partite, mi aspetto una partecipazione da parte di tutti, ma sono sicuro che faremo una buona partita”.

Casertana, Cangelosi sfida il Catania

Cangelosi ha poi parlato del prossimo avversario della Casertana, ovvero un Catania in difficoltà ma comunque da tenere d’occhio. “All’inizio – dice il tecnico – hanno avuto tanti problemi ma hanno in rosa tanti giocatori importanti per questa categoria. Per questo dobbiamo fare una prestazione importante. Mi aspetto una gara in cui entrambe le squadre cercheranno la vittoria, ci sarà da ribattere colpo su colpo. Lucarelli ha sempre prodotto un calcio offensivo, anche la sua Ternana giocava bene. Serve un atteggiamento più propositivo del solito per limitare il loro attacco”.

Ma cosa sta succedendo a una Casertana che fino a poche settimane fa volava? Cangelosi crede di avere la risposta, pur ribadendo di non essere preoccupato: “Sono convinto che questa squadra sappia dove trovare le giuste motivazioni. A noi sono anche capitati tanti infortuni che ci stanno creando probleim, anche quando le cose andavano bene eravamo contati. Il calo fisiologico c’è perchè siamo sempre gli stessi, non ci sono grosse alternative, quindi ci sta di calare. Vedete il Catania, è in difficoltà perchè ha fatto tanti cambiamenti”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli