spot_img

Triestina, Bucchi: “Potevamo vincere 4-2. Cambi hanno influenzato partita”

Mastica amaro Christian Bucchi, allenatore della Triestina, dopo la sconfitta contro il Palermo. Il tecnico dei giuliani, intervenuto ai microfoni di Raisport alla fine della partita, non ha nascosto una certa stizza per i cambi che è stato costretto ad effettuare nella prima parte della partita a causa di alcuni problemi fisici. “Avevamo preparato la partita in un certo modo ed è saltato tutto a causa dei due cambi forzati nella prima mezz’ora. Abbiamo buttato dentro dei giocatori come Galazzi che non stava bene. Si è allenato ieri mattina dopo 15 giorni di stop”, ha detto al triplice fischio.

Nonostante queste difficoltà la sua squadra è riuscita ad accorciare sui rosanero, tenendo viva la speranza in vista della gara di ritorno. “Siamo stati bravi perché a fine primo tempo ci siamo compattati, abbiamo cambiato qualcosa in mezzo al campo e fatto una ripresa di ottima qualità. Abbiamo sfiorato il gol 4-5 volte, segnato e preso una traversa. Avremmo meritato qualcosa in più”, ha aggiunto.

Triestina, Bucchi: “Se fosse finita 4-2 non avremmo rubato nulla”

Secondo Bucchi il risultato sarebbe potuto essere decisamente diverso rispetto a quello finale. “Partite di questo tipo si decidono sugli episodi. Se fosse finita 4-2 non avremmo rubato nulla per la mole di gioco nella ripresa”. L’allenatore della Triestina però ha qualcosa da rimproverare al suo reparto arretrato. “Sui gol abbiamo perso due palle, due cross sul secondo palo e perso la marcatura. Contro una squadra di qualità come il Palermo non puoi permettertelo”.

“Nel primo tempo siamo stati molli e questo non mi è piaciuto”, continua Bucchi. “Abbiamo perso troppi contrasti e troppe palle. Questo è stato l’errore che non dovevamo commettere. Nella ripresa non abbiamo indietreggiato, cambiando qualcosa a livello tattico. Lo ripeto, dispiace non aver fatto 2-3 gol, ma il gol nel finale lo prendiamo come un segnale che tutto è ancora aperto”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli