spot_img

Trapani, La Rosa: “Obiettivo playoff, siamo tutti sotto esame. Acireale? Macchè”

Marco La Rosa entra a gamba tesa e fuga tutti i dubbi. Il presidente del Trapani, intervenuto in conferenza stampa, ha spiegato la scelta di parlare ai giornalisti. Anche perchè il periodo dei granata è complicato: “Sono qui soltanto perché ci sono tante voci e ho ritenuto opportuno dare risposte a giornalisti e piazza. Il 30 giugno 2023 l’impegno è che questa società debba avere 0 debiti, insieme al socio di minoranza Mazzara abbiamo l’obiettivo di rendere questa società sana. Obiettivo realistico, insieme all’obiettivo di fare bene in campionato. Purtroppo, nonostante l’impegno anche economico non è stato possibile, ci sono stati degli errori tecnici ma non voglio entrare in queste dinamiche. Ci saranno dei nuovi arrivi, chi invece non ha fatto bene andrà via, in ogni caso e io e Mazzara saremo più presenti.

La Rosa rilancia il Trapani e allontana Acireale

Si è parlato di un disimpegno del presidente, con il ritorno sulla costa orientale. L’Acireale poteva diventare la sua nuova meta, ma La Rosa smentisce con forza: “Con tutto il rispetto per Acireale, ma io non andrò. La Rosa non va da nessuna altra parte, io ho preso un impegno e lo porto avanti. Queste sono tutte voci messe in giro per fare male, non a me, ma al Trapani, ai tifosi, agli sponsor.

Ma come si evolverà il Trapani del futuro? L’ex dirigente del Giarre sembra avere pochi dubbi: “Immagino adesso una squadra giovane e da gente che ha dimostrato di tenere alla maglia. La rosa sarà puntellata con elementi di esperienza e Under, l’obiettivo è arrivare ai play off ma soprattutto costruire lo zoccolo duro della prossima stagione. Anche il mister è sotto esame in vista della prossima stagione, vogliamo costruire una base solida.

L’addio di Marino

Il Trapani avrà bisogno di nuove figure nell’organigramma. Sono andati via il direttore generale Marino e il ds Chiavaro. Il presidente spiega le prossime mosse: “Intanto come ho già detto io e Michele Mazzara saremo più presenti e controlleremo ancora più da vicino gli aspetti societari. In questo momento in modo disinteressato, sottolineo disinteressato, con grande senso di appartenenza il professore Lipari e Peppe Carbonaro ci stanno dando una mano. Quando sarà il momento, se sarà il momento, istituzionalizzeremo delle figure ma adesso non abbiamo alcuna fretta. Le competenze ci sono, adesso dobbiamo solo rimboccarci le maniche”.

La chiosa finale della conferenza stampa riguarda proprio la figura di Marino. La Rosa spiega come si è arrivati in pochi mesi dall’arrivo in corsa all’addio a fari spenti: “Il direttore Marino è venuto con entusiasmo, ci ha dato una grande mano in determinate dinamiche risolvendo tante cose, ma distanza dalla famiglia, stanchezza e mancanza di entusiasmo l’hanno fatto recedere”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli