spot_img

Saturnia Acicastello, Davide Saitta sarà il nuovo palleggiatore degli etnei

Davide Saitta torna in Sicilia per indossare la maglia della Saturnia Acicastello. L’esperto palleggiatore classe 1987 sarà di nuovo impegnato a pochi chilometri da casa. Il nuovo giocatore della formazione del presidente Pulvirenti è infatti nato a Catania e proprio qui ha dato il via alla sua carriera in ambito giovanile. Poi è iniziato il suo vero giro del mondo, che gli ha consentito anche di giocare in Nazionale, con cui ha conquistato la medaglia d’argento agli Europei del 2013. La sua ultima esperienza lo ha visto tra le fila del GKS Katowice, nel campionato polacco. Ora per lui ci sarà una nuova avventura da vivere con la Saturnia, nel campionato di Serie A2.

LEGGI ANCHE -> Saturnia Acicastello, Javad Manavi firma: seconda conferma dopo Basic

Saturnia Acicastello, le prime parole di Saitta

Andiamo a leggere le dichiarazioni rilasciate da Davide Saitta dopo l’annuncio del suo approdo alla Saturnia Acicastello. “Manco da 21 anni e già l’emozione di tornare a casa l’avevo provata, da avversario con Cisterna, all’esordio al PalaCatania della Saturnia. Per me sarà grande motivo d’orgoglio e lo è ancora di più sapere di essere parte di una squadra attrezzata per vincere e cercare di tornare in SuperLega prima possibile. Il presidente Pulvirenti è sicuramente un grande appassionato di volley ed è bello vederlo così legato ad un progetto in cui crede fermamente, sapendo comunque di avere fatto tesoro di un anno passato in SuperLega, nonostante la retrocessione. Anzi, è da li che sta ripartendo insieme alla società, guardando ad un miglioramento continuo”.

Agli ordini di Placì

Saitta ha fatto capire di non vedere l’ora di indossare la maglia della Saturnia Acicastello. Anche perchè potrà lavorare con un coach molto capace ed esperto come Camillo Placì: “Dovremo lavorare bene ogni giorno e dovremo farlo tutti insieme. Quello dell’A2 è un campionato lungo e difficile, dove tutto si decide alla fine e dovremo arrivarci al massimo della forma. Io metterò a servizio la mia esperienza, anche se mi sento ancora un ragazzino, pronto a migliorare giorno dopo giorno. Conosco quasi tutti i giocatori che fanno già parte di questo progetto e ne riconosco le grandi qualità tecniche e morali, sono persone che sanno fare bene”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli