spot_img

Palermo, Mirri: “B dura, da matricola non ci tiriamo indietro. Obiettivo costruzione, non promozione”

Dario Mirri continuerà ad essere il presidente del Palermo, nonostante la cessione dell’80% delle quote a City Football Group. La nuova proprietà sta organizzando in queste settimane il futuro del club di Viale del Fante, entrato a fare parte della galassia di Mansour. I rosanero di Silvio Baldini, confermato sulla panchina insieme al direttore sportivo Renzo Castagnini, ripartiranno dalla Serie B. La piazza ha grandi aspettative, ma da matricola non sarà semplice mettersi in luce di fronte a squadre ben costruite e attrezzate come quelle che militano da tempo in cadetteria.

“Le ambizioni sono quelle di proseguire un percorso. Soriano ha ricordato che il valore del City Group è dare stabilità ai progetti, sia a livello sportivo sia a livello infrastrutturale. Hanno valutato come buono il lavoro svolto in questi anni”. A dirlo è stato il presidente Dario Mirri nel corso di una intervista rilasciata a TgR Sicilia.

E sulla prossima stagione: “La Serie B è un campionato complicato. Noi siamo una matricola. Veniamo da anni difficili proprio per le difficoltà intervenute in corso d’opera. In tre anni, da start up, non era semplice tornare al punto in cui si trovava il club al momento del fallimento. È stata un’impresa compiuta velocemente. Ora dobbiamo continuare a crescere. Di fronte a noi troveremo squadre molto più competitive, ma non ci tireremo indietro. L’obiettivo è la costruzione, non la promozione. Nel tempo diventerà ovviamente la Serie A”.

LEGGI ANCHE -> Foschi: “Palermo sorpresa della B, Baldini crede nel gruppo. Budget? Non fa vincere campionati”

Mirri svela i dettagli su campagna abbonamenti e ritiro

Dario Mirri inoltre ha svelato alcuni dettagli in merito alla campagna abbonamenti, che partirà a breve. “La campagna abbonamenti, tranne contrattempi, dovrebbe partire domani. Abbiamo voluto dare un riconoscimento ai nostri abbonati storici, quelli della Serie D. Avranno la prelazione. Inoltre, sarà riconosciuto loro un vantaggio economico. Ci sarà una riduzione della tariffa. Siamo ambiziosi e ci aspettiamo una risposta come quella dei play-off”.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Palermo, Brunori si allontana: le alternative, oltre a La Gumina c’è La Mantia

La chiosa invece è dedicata al ritiro e alla costruzione del centro sportivo a Torretta. “Il Palermo si allenerà a Palermo, perché vive qui. Il desiderio di Baldini è di proseguire sulle ali dell’entusiasmo, trasmettendo i suoi valori ai giocatori. Saremo ospiti dell’Esercito e del Cus al Tenente Onorato, ma ci auguriamo di avere presto una nostra casa. La speranza è di iniziare i lavori al più presto. Stiamo lavorando con il City per licenziare il progetto”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli