spot_img

Palermo, Corini: “Col Bari gara stimolante, pronti per una grande gara. Cheddira? Lo fermiamo così”

L’allenatore del Palermo, Eugenio Corini, è intervenuto nella consueta conferenza stampa pre-gara in vista del match tra rosanero e Bari, in programma domani allo stadio Renzo Barbera (ore 20:30). I rosanero arrivano dal pari in rimonta contro il Perugia, che li ha visti un po’ Dottor Jeckyll e un po’ Mister Hyde. Ad un primo tempo di grande confusione è stato opposto però un secondo caparbio e di grande concretezza che, con un po’ di fortuna, ha permesso a Brunori e compagni di arrivare al 3-3 finale. Corini però è già proiettato al prossimo futuro, ovvero alla sfida coi pugliesi.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Palermo, la sinergia col City Group prosegue: piace Ferraresi

Palermo, Corini: “Col Bari gara stimolante, pronti per una grande gara”

In apertura di conferenza c’è spazio per entrambi i temi: “Le gare stimolano sempre, quella con il Bari di più. Sono due piazze importanti nel calcio italiano. All’andata c’erano 35.000 spettatori e fu una partita ben giocata da entrambe le squadre. Mi aspetto una gara simile, il Bari sta facendo un campionato di altissimo livello, faccio i complimenti a Mignani. Il pareggio di Perugia è stato importante per noi, bella la reazione dopo il primo tempo. Ci dà motivazioni ulteriori, a livello di rosa siamo un po’ in difficoltà, ma chi sarà convocato e disponibile ha tutte le capacità per fare una grande prestazione”.

Corini fa poi il punto sugli infortunati: il Palermo infatti arriverà alla sfida col Bari con alcuni settori in difficoltà. Anche se il tecnico non si piange addosso: “Purtroppo Gomes ha subito una frattura alla mano, lo staff medico sarà più preciso sui tempi di recupero dopo la prima visita di controllo. Vido ha questo problema al gluteo che non è particolarmente grave, ma non sarà disponibile per domani. Abbiamo potuto gestire Sala ed è tornato disponibile. Bettella viene da un percorso che ho raccontato prima di Perugia e sta recuperando la condizione. Abbiamo 16 giocatori di movimento a disposizione prima degli allenamenti di oggi e di domattina, per me chi c’è è pronto per giocare”.

“Sul mercato confronto costante con società. Il rigore? Non c’era”.

Durante la conferenza c’è il tempo di affrontare il tema mercato. Il Palermo deve ancora completare tutta una serie di acquisti nei prossimi giorni. Ma intanto Corini si gode l’arrivo di Gennaro Tutino: “Con la società c’è un confronto continuo. Sappiamo come dobbiamo lavorare, il calciomercato è complicato. Abbiamo preso un giocatore importante come Tutino, si allenerà oggi per la prima volta. Abbiamo inserito un attaccante di livello per completare la nostra rosa, ha caratteristiche diverse rispetto agli attaccanti che avevamo. Stiamo cercando di lavorare per acquisire giocatori in altri reparti che siano simili per valore a quelli che abbiamo”.

Tornando alla partita con il Perugia, Corini si concentra sugli episodi che hanno messo in difficoltà i rosanero, come il calcio di rigore assegnato agli umbri: “Abbiamo preso gol dopo un minuto e mezzo, l’approccio era stato positivo. Per me il rigore non c’era, Gomes era scivolato. Le difficoltà erano legate all’aver preso due gol in 7 minuti. Ci siamo trovati sotto, in quel momento l’ansia di dover recuperare ci ha messo in difficoltà nel palleggio e quando sei così contro una squadra come il Perugia vai in sofferenza. Il rammarico grande è quello di non aver fatto meglio dopo aver accorciato sul 2-1. Non abbiamo fatto un buon primo tempo, ma c’è stata una grande reazione nel secondo tempo, averci creduto fino alla fine è un grande segnale”.

Corini su formazione e Cheddira

Per quanto riguarda l’undici che potrà scendere in campo Corini ha le opzioni contate sulla mediana. Al contempo indica in quale posizione potrà giocare Tutino nei suoi moduli, magari già a partire da domani: “Ho 4 centrocampisti per 3 maglie, quello che ha le migliori attitudini per giocare da play basso è Damiani. È pronto per giocare domani insieme a due tra Saric, Segre e Broh. Tutino può giocare sia da seconda punta che aperto nel 4-3-3. Quel tipo di caratteristiche mancavano prima del suo arrivo, ora le abbiamo trovate”.

Palermo-Bari non è solo la sfida tra due squadre, ma anche tra due bomber importanti come Walid Cheddira e Matteo Brunori (12 e 10 gol rispettivamente). Corini la pensa così sul centravanti del Bari: “Walo è un giocatore in continua crescita, anche dal punto di vista mentale ha trovato una forza mentale importante. Ha un ottimo attacco alla profondità, un giocatore completo. Abbiamo lavorato per cercare di contenerlo anche se è difficile riuscirci, ci sarà una grande attenzione sui movimenti che fa anche in relazione all’altra punta. Il Bari è una squadra che quando va in verticale è molto pericolosa. Cheddira sta finalizzando molto bene e lavora bene con i compagni

Corini sui secondi tempi: “Il Palermo ha sempre finito in crescendo”

Corini prova a dare una chiave di lettura delle partite del Palermo, che in questi mesi sembrano entrare in campo nei secondi tempi con uno spirito diverso rispetto alle prime frazioni: “Abbiamo sempre finito le partite molto bene nell’ultima parte dell’anno. A Brescia abbiamo creato i presupposti per essere pericolosi ma non abbiamo quasi mai calciato in porta. La squadra sta bene fisicamente, ci crede e sa come andare ad attaccare. Il 3-3 di Perugia non nasce da una palla buttata nella mischia, ma da un gol costruito molto bene”.

Chi si è messo in luce durante le ultime partite del 2022, così come a Perugia è Dario Saric. Il bosniaco, nato a Cento, è un calciatore in netta ripresa e potrà essere importante per il girone di ritorno: “Avevamo bisogno che a volte costruisse, poi che andasse anche in area. Il secondo gol a Perugia lo abbiamo costruito così. Mi è piaciuto tanto, tornava titolare e si trovava in un contesto di difficoltà della squadra ma ha giocato con professionalità. Si è preso responsabilità, ha fatto una bella partita e sono molto contento”.

“Dal mercato vorrei un centrocampista. Al pubblico dico: giocate con noi”

Sempre in tema mercato, Corini precisa quali siano attualmente le sue richieste sul mercato: “Capisco che il mercato stimola e che ad ogni infortunio vorresti prendere un sostituto. Un centrocampista arriverà, ci stiamo lavorando. Non so quanti giorni starà fuori Gomes, ma non sarà un periodo lunghissimo. La mia richiesta è quella di far arrivare un centrocampista, cercheremo di individuare le giuste caratteristiche per trovare il giocatore adatto”.

La partita d’andata col Bari fu una delle migliori partite della prima parte del girone d’andata. Il Palermo passò in vantaggio grazie ad un gol di Nicola Valente ma nel secondo tempo (rimasto in dieci) arrivò un pareggio. Corini legge così quel match: “All’andata scelsi il 4-2-3-1 con Roberto Floriano sulla trequarti, facemmo un primo tempo importante trovando il gol e creando i presupposti per segnare ancora. Nel finale della partita è venuta fuori la fatica, siamo rimasti anche in 10 ma ce la siamo giocata. La squadra era ancora in costruzione, tanti giocatori non erano ancora arrivati ed eravamo in piena fase di integrazione e di difficoltà”.

Infine arriva una richiesta dell’allenatore rosanero alla piazza palermitana, per supportare ancora di più la squadra: “Questi ragazzi sudano sempre la maglia e questo è un segnale importante che i tifosi devono cogliere. Al pubblico chiedo di giocare la partita insieme a noi, se sentiremo la loro spinta giocheremo ancora meglio”

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli