spot_img

Ortigia ad Anzio, unico obiettivo rafforzare il terzo posto

Tra non poche difficoltà, l’Ortigia si prepara alla penultima trasferta di campionato, almeno per quel che riguarda la regular season. I biancoverdi, infatti, sono di nuovo alle prese con problemi logistici, a seguito del nuovo stop della “Caldarella”, con l’abbassamento della temperatura dell’acqua, e in attesa che venga finalmente completato il lavoro per la messa in funzione della nuova caldaia. Per gli uomini di Piccardo, che negli ultimi giorni hanno ricominciato a spostarsi per potersi allenare, quella di oggi è una vigilia importante. Domani pomeriggio, infatti, alle ore 15.30, ad Anzio, potrebbe concretizzarsi un obiettivo inseguito per tutta la stagione: il terzo posto.

Un piazzamento che permetterebbe ai biancoverdi di giocarsi la semifinale scudetto molto probabilmente contro il Brescia, in un affascinante replay della gloriosa esperienza in Coppa Italia. Qualora l’Ortigia, domani, dovesse riuscire a portare a casa i tre punti e, contestualmente, il Telimar dovesse perdere a Recco, il vantaggio sui palermitani sarebbe di sei punti a due giornate dal termine e con gli scontri diretti a favore di Napolitano e compagni, che dunque sarebbero irraggiungibili. Per riuscire nell’impresa, però, bisognerà giocare bene e battere un avversario che, in casa propria, è molto pericoloso e non va sottovalutato.

Ortigia, la vigilia di Piccardo

Alla vigilia, il tecnico dell’Ortigia, Stefano Piccardo, fa il punto sulla condizione della squadra e sottolinea l’importanza di questa partita ai fini del raggiungimento di un importante traguardo: “Purtroppo non abbiamo nuovamente la disponibilità della Cittadella, abbiamo potuto lavorare lì solo i primi due giorni. In più ho Andrea Condemi che non si allena da 2 giorni per un’influenza e Cassia che ha anch’egli qualche sintomo influenzale. Questa è la condizione attuale della squadra. L’impegno di domani sarà sicuramente difficile per una serie di motivazioni. Innanzitutto perché per loro adesso tutti i punti in palio saranno importanti, visto che il livello della lotta per i play-out si è alzato, così come quello delle squadre che giocano per evitarli. Dovremo cercare di fare una gara molto intelligente. Dal punto di vista motivazionale, non credo di dover spiegare ai miei ragazzi quanto sarebbe importante per noi arrivare terzi, migliorare ancora il record di punti del club, garantirci un eventuale terzo posto finale. Insomma, la concentrazione dei giocatori deve essere massima. Se sono arrivati fino a qua, ora devono continuare a perseguire l’obiettivo”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli