spot_img

Messina, Emmausso: “Emozione indescrivibile, un sogno vincere il derby”

Al termine del derby vinto contro il Catania l’attaccante del Messina Michele Emmausso analizza la prestazione della sua squadra sottolineando come ci sia stata una doppia faccia tra il primo e secondo tempo. Queste le parole del match-winner: “La partita è stata equilibrata nel primo tempo, poi abbiamo meritato la vittoria. Segnare nel derby, davanti ai nostri tifosi, è un’emozione indescrivibile. Sono davvero felice, soprattutto per la squadra, per la società e per i tifosi che ci seguono. I momenti negativi arrivano per tutti, ci siamo chiusi in noi stessi e abbiamo riflettuto”.

Emmausso ha fatto capire che questo Messina può togliersi delle soddisfazioni. Il derby vinto deve essere una base di partenza: “Questa è una buona squadra, nelle ultime due partite abbiamo cambiato marcia e abbiamo vinto. Sono ancora molto stanco, è incredibile tornare a vincere un derby dopo 20 anni. Sono convinto che siamo forti, ci siamo detti che dovevamo tornare a sfoderare il nostro carattere, non potevamo continuare in quel modo. Questa partita era troppo importante, festeggeremo ma poi inizieremo a pensare al Potenza”.

LEGGI ANCHE -> Messina-Catania, Lucarelli: “Dovevamo essere più pratici”

Messina, parlano Emmausso e Firenze

A Emmausso fa eco il centrocampista del Messina Marco Firenze, che parla anche di come si sia imparato dagli errori. Queste le parole del mediano:

“Siamo partiti un po’ contratti e facendo qualche errore. Poi la squadra si è sciolta e ha fatto un bel passo in avanti sul piano mentale. Abbiamo sconfitto una grande squadra, questa vittoria può rappresentare un punto di svolta. Quando non arrivavano i risultati siamo rimasti uniti, perdere toglie fiducia, ma vincere col Monterosi è stato fondamentale. Quella di oggi è stata una grande partita sul piano tecnico. Il Catania è una grande squadra, i derby vanno vinti e siamo stati all’altezza”.

Secondo Firenze il derby poteva finire anche in maniera più netta. In ogni caso il centrocampista applaude i compagni: “Se fosse finita 3-0 non avremmo rubato nulla. Abbiamo tirato in porta tante volte, dobbiamo migliorare sul piano realizzativo. Il campionato è ancora lungo, possiamo toglierci delle soddisfazioni perchè abbiamo imparato dai nostri errori. Se non avessimo segnato avrei rincorso Zunno (ride, ndr). Il suo è stato un ottimo ingresso per aver fatto un gran pressing. Qui ci sono tanti giovani interessanti, ci vuole tempo per loro, specie quando le cose vanno male”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli