spot_img

Geraci, Mirto e Barbagallo nel post partita con l’Accademia Trapani

Gaetano Mirto si gode la vittoria ottenuta dal suo Geraci contro l’Accademia Trapani. Una partita che i madoniti hanno giocato benissimo ma che hanno rischiato di non vincere: “Una buona partita, così come ha fatto l’avversario. Siamo stati in gara per tutto l’arco della stessa. Primo tempo abbastanza combattuto, noi abbiamo sempre giocato la palla, loro hanno fatto delle ripartenze importanti in cui potevano farci del male. Hanno avuto l’occasione del calcio di rigore, siamo stati fortunati e siamo stati bravi poi a segnare”.

Ai microfoni di Sporticily, Mirto ha fatto capire che nel secondo tempo la sua squadra ha ben figurato. L’episodio sfortunato della punizione di Perricone è stato subito rimediato con la rete di Fernandes: “Nel secondo tempo siamo usciti bene, potevamo chiudere la partita ma non l’abbiamo messa dentro. Come sempre arriva il castigo con una punizione forse generosa che si è insaccata. I ragazzi ci hanno sempre creduto, Fernandes ha fatto una bella giocata. Il 2-1 è arrivato in un momento non facile, poi non abbiamo concesso più nulla. Penso che la vittoria sia meritata”.

Geraci, parlano Mirto e Barbagallo

L’episodio del calcio di rigore parato da Barbagallo a Barraco è stato fondamentale. Mirto ritiene che il Geraci debba continuare con questa voglia e con quesdto carattere: “Rimontare diventa sempre più difficile. Abbiamo un portiere che è giusto che si faccia sentire, oggi lo ha fatto. Per il resto i compagni hanno fatto quel che dovevano fare. Le vittorie portano morale e fiducia, i ragazzi non hanno mai mollato neanche nei momenti più tristi. Non ci crediamo superiori nè inferiori a nessuno, ce la giochiamo sempre”.

In casa Geraci ha parlato anche Gabriele Barbagallo. Questa la sua analisi degli episodi che lo hanno riguardato, ovvero il rigore parato e la punizione beffarda di Perricone: “Sono felicissimo per la vittoria, era meritata. Ovviamente sono felice anche per il rigore che ci ha dato quella spinta in più, non meritavamo di subire gol. Ho avuto anche la fortuna di trovarmi il pallone dopo averlo respinto. Sulla punizione ero già andato sul mio lato sinistro e non ho avuto il tempo di rincorrere il pallone. In casa giochiamo bene, diamo sempre qualcosa in più per noi stessi e per il pubblico”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli