spot_img

Catania, Chiarella: “La pressione non mi spaventa, tifoseria rossazzurra mette i brividi”

Il Catania si è assicurato le prestazioni del giovane attaccante classe ’02, Marco Chiarella. Il talento ex Pescara, intervistato da Unica Sport, ha rivelato le motivazioni della sua scelta: “Mi ha convinto a venire a Catania soprattuto il fatto che a Pescara non avrei trovato lo spazio che mi serviva per poter dimostrare qualcosa. E comunque una piazza come Catania non è un passo indietro. La società – ha detto Chiarella dalle parole raccolte da tuttocalciocatania.com – ha una storia importante, si ritrova in Serie D ma non è un club da D. Mi hanno parlato del progetto del Catania di risalire prima possibile nelle categorie che merita, ho valutato la scelta anche in prospettiva”. 

Concorrenza

Il giovane esterno offensivo del Catania, Marco Chiarella, sa che in rossazzurro la concorrenza sarà tanta: “Il posto da nessuna parte è assicurato. Ci sono giocatori di livello che possono insegnarmi qualcosa, e poi la concorrenza mi sprona. La squadra è composta da calciatori esperti che hanno fatto una carriera importante e giovani che voglio dimostrare il loro valore. Non c’è una rivalità marcia, bensì una sana competizione, siamo un gruppo unito e vogliamo tutti arrivare allo stesso obiettivo. Il punto di riferimento – ha detto Chiarella – per tutti è Ciccio lodi, un veterano del calcio in tutti i sensi”.

Personalità da vendere per il classe ’02 che non sembra sentire la pressione: “La pressione non mi spaventa. Io vengo da Pescara dove sono sempre stato visto come il ragazzo delle giovanili che doveva dimostrare di valere per ottenere un posto in prima squadra. Qui invece mi sento parte del gruppo, un calciatore e non solo un ragazzino che arriva dalle giovanili”.

Gli obiettivi del club

“L’aspettativa di tutti è che il Catania non perda nessuna partita e vinca il campionato a mani basse. Di sicuro non c’è niente però siamo convinti e sicuri che la squadra è in grado di poterlo fare. Adesso sta solo a noi. Non è scritto da nessuna parte ma non è nemmeno impossibile”.   

Su mister Giovanni Ferraro

Il giovane attaccante esterno del Catania, Marco Chiarella, ha tessuto le lodi di mister Giovanni Ferraro: “Ferraro non lo conosco ancora benissimo perchè sono arrivato da poco, ma noto che ci mette tanto e pretende tanto dalla squadra, pretende che in allenamento si lavori in un certo modo e pretende risultati perchè, come noi, anche lui ha un’occasione importante che vuole sfruttare”. 

Tifosi e città

Marco Chiarella, uno dei volti nuovi in casa Catania, si è anche soffermato sul calore della città e dei tifosi rossazzurri: “Tutte le squadre puntano a dare filo da torcere al Catania. All’inizio quando sono sceso in campo a Ragusa ho avuto i brividi perché tutto quel calore fuori casa non lo vedi nemmeno in categorie superiori. È una tifoseria da palcoscenici importanti. I calciatori – ha concluso Chiarella – sono le persone più felici del mondo quando vedono tutto questo calore in uno stadio. È molto bello. È la prima esperienza fuori per me, sono approdato in una grande città e bellissima come Catania, città di mare, dove si mangia bene. L’impatto è stato sicuramente positivo”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli