spot_img

Catania, Castellini: “Coppa Italia non serve a nulla se andiamo ai playout”

Alessio Castellini ed Emanuele Cicerelli festeggiano i rispettivi gol e la vittoria del loro Catania contro il Rimini nella semifinale di ritorno di Coppa Italia di Serie C.

Castellini dopo Catania-Rimini

“È dedicato a tante persone e a tutti i tifosi rossazzurri in generale. Dopo il controllo ho visto uno spiraglio e ho provato a calciare. Non voglio abituarmi perché l’emozione di fare gol e far fare gol deve essere un’ossessione”, ha affermato l’autore della rete decisiva in conferenza stampa dopo il triplice fischio.

Il difensore centrale è ormai uno dei punti fermi della squadra di Cristiano Lucarelli, ma mantiene i piedi ben saldi per terra. “Non mi sento l’uomo in più, ci sono persone che hanno più esperienza. Il mio gol è stato importante perché siamo in finale, ma è stato importante pure il primo di Emanuele. Stasera siamo partiti forte, sapevamo di non poter tenere sempre lo stesso ritmo. Abbiamo gestito dopo il vantaggio ed è uscita questa vittoria. L’importante è stare insieme e fare gruppo. Più si sta insieme e meglio è”.

Dopo essersi messo alle spalle Catania-Rimini, tuttavia, Alessio Castellini pensa già ai prossimi impegni. L’obiettivo è quello di risalire la classifica, che in questo periodo non vede i rossazzurri messi bene. “Se vinciamo la Coppa Italia, ma andiamo ai playout non serve a nulla. Quindi dobbiamo svoltare in campionato. Già da domani avremo la testa a domenica. Dobbiamo fare una striscia positiva”, ha concluso.

LEGGI ANCHE -> Catania, Vanigli: “Col Rimini gara combattuta, ora risolleviamo il campionato”

Cicerelli dopo Catania-Rimini

Anche Emanuele Cicerelli è della stessa idea. “Oggi abbiamo raggiunto un obiettivo, ma dobbiamo concretizzarlo in campionato. Questa squadra deve trovare le giuste motivazioni. Ognuno ha le sue motivazioni, ripartiamo da questo e miglioriamo la classifica in campionato. Noi vogliamo che sia questa la partita della svolta. Da domani penseremo al Monterosi”.

E sul futuro: “Ho scelto il posto migliore per ripartire. Ho passato quattro mesi difficili e sono contento che i giudizi sono positivi”, ha concluso.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli