spot_img

Calciomercato Palermo, Ranocchia arriva dalla Juventus: addio anticipato all’Empoli

Filippo Ranocchia è destinato a diventare il primo colpo di calciomercato del Palermo dall’inizio del 2024. Il centrocampista classe 2001 sta per lasciare l’Empoli, squadra con la quale ha disputato la prima parte della stagione. Per lui si prospetta una discesa di categoria, ma in cambio prenderà parte a un girone di ritorno da protagonista nel campionato di Serie B. Il giocatore è sempre più vicino a diventare un nuovo giocatore rosanero, stando alle ultime indiscrezioni che arrivano dal suo entourage e dai club coinvolti nell’operazione.

Il giocatore, il cui cartellino è ancora di proprietà della Juventus, sembra aver già trovato l’accordo per il cambio di casacca. A rendere noti alcuni dettagli di questa operazione è stato l’esperto di mercato Gianluca Di Marzio, attraverso sia lo Speciale Calciomercato di Sky Sport che il suo sito ufficiale. Il passaggio di Ranocchia dalla Juventus al Palermo avverrà con la formula del titolo definitivo. Diventa dunque immediato il suo addio all’Empoli, a poche ore dalla sfida di Serie A tra i toscani e il Milan.

Calciomercato Palermo, Ranocchia sblocca Djalò alla Juventus

Tra le altre cose, sarebbe stata proprio la Juventus a spingere per chiudere questo primo colpo di calciomercato del Palermo, in quanto la cessione del cartellino di Filippo Ranocchia consentirebbe di sbloccare anche le operazioni in entrata della Vecchia Signora. Il club della galassia del City Football Group sarebbe infatti pronto a sborsare ben 3 milioni di euro per mettere le mani sul centrocampista ex Vicenza.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Palermo, per Valente niente Catania: corte da una big di Serie C

Questi 3 milioni di euro consentirebbero alla Juventus di completare il colpo Tiago Djalò, con il difensore portoghese che è considerato obiettivo principale del calciomercato bianconero. Al tempo stesso il Palermo con l’arrivo di Ranocchia andrebbe a impreziosire ancor di più il proprio centrocampo. Resta da capire se ci saranno manovre in uscita per mantenere i sei elementi in mediana. L’alternativa sarebbe una rotazione ancor più ampia, anche se non bisogna ignorare eventuali sorprese.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli