spot_img

Bari, Mignani: “Vogliamo fare risultato, Palermo squadra di qualità. Ammiro Corini, farà bene”

Michele Mignani, allenatore del Bari, ha parlato nella consueta conferenza stampa prepartita in vista della sfida col Palermo. Al San Nicola (19 agosto, ore 20:45) si affronteranno due squadre che hanno ben impressionato nel primo turno della Serie B. I galletti hanno pareggiato sul campo del Parma (2-2) dando filo da torcere all’avversario, mentre i rosanero sono usciti vittoriosi dallo scontro col Perugia. L’apertura è dedicata all’esorsio in casa dei biancorossi: “C’è la voglia di dare soddisfazioni ai tifosi, ma anche di fare una grande partita e di mettere punti in classifica. Questo è quello che percepisco all’interno dello spogliatoio”.

LEGGI ANCHE -> Bari, prossimo avversario del Palermo: Mignani vuole la rivincita, attacco imprevedibile

Bari, Mignani: “Corini persona che stimo. Siamo più avanti rispetto lo scorso anno”

Scendendo nei particolari delle partite già disputate dal Bari, i giornalisti hanno stimolato Mignani su un particolare, ovvero i gol nei primi minuti: “Può darsi non sia una casualità, magari la squadra è più compatta dentro al campo e concede qualcosa sugli esterni. Però ho visto sempre una squadra attenta anche nei primi minuti. Ci dobbiamo però rendere conto che esistono avversari di grande qualità in questa categoria e dobbiamo essere più attenti. L’aspetto positivo è che abbiamo sempre reagito nella maniera corretta”.

Analizzando più nello specifico il prossimo avversario, Mignani ha anche parlato del rapporto con il collega Eugenio Corini: “Ci siamo incrociati poco, lui ha fatto tanta serie A. Anche in campo era difficile trovarsi perchè eravamo in zone di campo diverse. Però è una persona che stimo, sta facendo un buon percorso da allenatore ed ho grande considerazione di lui”. E sull’assetto che pensa di vedere in campo per quanto riguarda i rosanero dice: “Non è facile immaginare che Palermo sarà, l’allenatore non è li da tanto tempo ed è stato bravo nella prima partita a dare continuità al lavoro svolto. Hanno avuto una settimana per lavorare e magari potrà aggiungere qualcosa di suo. Loro saranno motivati e vogliosi di fare il risultato”.

Mignani su ballottaggi

Non è improbabile che già col Palermo, il Bari possa disporre di due giocatori come Francesco Vicari e Damir Ceter: “Penso ci saranno” dice Mignani, “Ceter sta cercando di raggiungere la condizione migliore. Se non ci saranno intoppi potrà essere convocabile. Vicari si è allenato con la squadra, mentre Benedetti ritorna dalla squalifica. Ballottaggi? Ce ne sono quando i giocatori stanno bene. Io arrivo sempre con dei dubbi buoni, perchè ho alternative. Bisogna tenere conto di tante cose, come il fatto che la squadra ha espresso un valore. Sono valutazioni che si fanno. D’Errico sta bene e sono contento di come si sta allenando. A centrocampo, ho tutti in condizione: chiunque sceglierò sono tranquillo”.

A chi gli ricorda l’inizio non brillante dello scorso anno, Mignani dice la sua in merito: “Credo che siamo più avanti rispetto lo scorso anno. Per tanti motivi, dal ritiro mancato al fatto che la squadra si è completata alla seconda giornata. Invece a Parma c’erano nove undicesimi che c’erano già lo scorso anno. Quindi abbiamo idee e concetti già conosciuti. Mi aspetto continuità di prestazione e voglia di lottare come nelle partite precedenti. Questo è il presupposto più importante: il gesto tecnico passa sempre in secondo piano in questo senso”.

Mignani sul mercato

Naturalmente c’è grande voglia di continuare a regalare emozioni ai tifosi del San Nicola: “La squadra vive l’entusiasmo della scorsa stagione. Non sarà una novità e mi auguro che per i nuovi sarà uno stimolo. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi, vogliamo regalargli un’emozione. Sono contento che vedano una squadra combattiva, che non molla ed è quello che vogliamo far parlare di noi per questo”. C’è tempo anche per un focus su due giocatori come Michael Folorunsho e Walid Cheddira: “Sono due giocatori fisici. Folorunsho ha fatto molto bene a Parma, ha portato fisicità ed è un giocatore completo. Può fare tanti ruoli e non è una sorpresa. Cheddira ha margini di crescita. Sta bene e la sua condizione insieme al fatto che troviamo più spazi spazi sia un vantaggio per lui. Spero possa continuare a fare partite di questo profitto”.

Poi spazio al mercato, nonostante la ritrosia di Mignani nell’affrontare l’argomento: “Domani penso solo al Palermo. Sappiamo che il mercato finirà il primo settembre e ci possono essere occasioni. Stiamo cercando di capire se ci possono essere elementi che possono migliorare la rosa, ma non è un ossessione. Gli ultimi giorni possono venir fuori cose a cui non pensavi. Abbiamo le idee chiare”. E a chi gli chiede del possibile arrivo di Žan Žužek, Mignani risponde così: “Un giocatore che seguiamo da un po’ di tempo, ma non è l’unico”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli