spot_img

Atalanta U23-Catania, pagelle: Bouah fa il giustiziere, in ombra Di Carmine

È terminata sul risultato di 0-1 la partita Atalanta U23-Catania, valevole per il primo turno nazionale dei playoff di Serie C. Gara che ha visto gli etnei brillare nella prima frazione e soffrire il ritorno dei padroni di casa nella ripresa. Il gol nel finale di Bouah regala un vantaggio importantissimo in vista della sfida di ritorno. Queste le pagelle rossazzurre al termine della sfida tra Atalanta U23 e Catania.

Atalanta U23-Catania, le pagelle rossazzurre

Nelle pagelle di Atalanta U23-Catania ci sono tante buone valutazioni, a partire da match-winner Bouah. Ottima anche la prova di Quaini, che sarebbe stato il migliore in campo se la gara fosse rimasta sullo 0-0. Prova di sostanza per tutti i giocatori. Un po’ in ombra gli attaccanti, che tanto si sono battuti ma che hanno inquadrato raramente la porta.

Difesa

Furlan 6 – Totalmente inoperoso nel primo tempo, è più impegnato nel secondo quando deve testare i suoi riflessi. Ottima, in particolare, la parata su Palestra (venendo poi graziato sulla ribattuta da Cissè). Per il resto rischia poco o nulla e mantiene la porta inviolata.

Monaco 6,5 – La sua struttura fisica serve a contenere Cissé, incontenibile nelle altre gare di playoff. Ma il 46 sa il fatto suo e non lo fa ragionare quasi mai. Qualche problema alla schiena lo fanno uscire anzitempo dalla gara. (Dal 72′ Curado 6 – entra per sostituire Monaco in difesa e contenere gli assalti dell’Atalanta U23 e ci riesce in pieno).

Quaini 7 – La chiave del Catania è il gioco verticale, tentando scavalcare la linea difensiva alta dell’Atalanta U23. Quaini è il perno di questa idea, capace con i suoi piedi di accendere varie ripartenze. Peccato che Di Carmine non riesca mai a capitalizzare i palloni recapitati. Prova ottima del 16 anche in copertura e nell’anticipo.

Celli 6 – Più a suo agio da braccetto di sinistra che da esterno a cinque. Nella ripresa soffre un po’ le discese di Palestra ma viene fuori col passare dei minuti.

Centrocampo

Bouah 7 – Partita regolare, senza troppi spazzi ma senza andare troppo in difficoltà quando l’Atalanta U23 alza i ritmi della partita. Sembra troppo timido quando c’è da arrivare a fondo campo e mettere qualche cross interessante. Ma nel finale è il più lucido di tutti a leggere la perfetta assistenza di Tello per mettere a segno un gol che può pesare come un macigno.

Zammarini 6 – Gara sostanzialmente dedita al contenimento. Soprattutto perché la presenza di Welbeck e Cicerelli richiede la presenza di un equilibratore in mezzo al campo. Missione portata a casa bene. (Dall’87’ Kontek s.v.)

Welbeck 6 – Anche l’ex Catanzaro prova a verticalizzare rapidamente il pallone come Quaini. Ma spesso risulta più frettoloso che efficace. Molto meglio in fase di interdizione.

Cicerelli 6 – La nuova posizione da mezzala ha dato nuova linfa al reparto, garantendo maggiore imprevedibilità. Ci prova spesso con soluzioni da fuori e sfiora anche il gol nella prima frazione. Cala nettamente a inizio ripresa e Zeoli lo tira fuori. (Dal 65′ Tello 6,5 – Il pallone servito a Bouah per lo 0-1 è un cioccolatino per il terzino. Il recupero di una pedina così importante dal punto di vista tecnico sarà fondamentale per il prosieguo dei playoff).

Castellini 6+ – Solita prova di personalità e intelligenza tattica. Sembra saper leggere i momenti chiave dal punto di vista tattico meglio di compagni e avversari. A metà del primo tempo scambia la posizione con Celli sulla sinistra per mettere in difficoltà la difesa bergamasca con i suoi inserimenti da dietro. Perde qualche decimo di punto per un’ammonizione presa piuttosto generosamente. (Dall’87’ Rapisarda s.v.)

Attacco

Cianci 6- – Lui e Di Carmine potrebbero portare in vantaggio il Catania già nel primo tempo. Ma la loro imprecisione non lo consente. Clamoroso l’errore sotto porta intorno al 20′ con la sua specialità, il colpo di testa. Poi però lotta tanto per la squadra e non merita di uscire con un voto troppo negativo.

Di Carmine 5,5 – La sapienza del numero 10 fa ammattire spesso la difesa dell’Atalanta U23, ma è anche troppo poco cinico nelle varie occasioni capitategli. Soprattutto cade con estrema facilità nella trappola del fuorigioco costruita dagli avversari. Certamente si sbatte tanto per liberare gli spazi ai compagni di squadra. Ma da uno come lui ci si aspetta qualcosa di più. (Dal 72′ Costantino 6 – Anche lui è stato importante nell’azione del gol vittoria. Tiene vivo un pallone prezioso che i compagni trasformano in oro. Iniezione di fiducia per l’attaccante).

Pagelle Atalanta U23-Catania, il giudizio dell’allenatore etneo

Zeoli 6,5 – Partita letta alla perfezione, trovando nella zona centrale della difesa il punto debole degli avversari. Ottima anche la lettura dei cambi, trovando in Tello il giusto alleato per portare a casa la vittoria.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli