spot_img

Palermo-Venezia, probabili formazioni: torna Nedelcearu, ballottaggio sulla trequarti

Nuova serata per cuori forti quella che si appresta a vivere il Palermo, che ospiterà il Venezia nell’andata delle semifinali playoff di Serie B. Partita che potrà decidere molto del futuro dei rosanero negli spareggi promozione, dato che parte in svantaggio rispetto agli avversari causa piazzamento. Sarà importante capitalizzare al massimo la sfida dello stadio Renzo Barbera, per poi fare la resa dei conti al Penzo. Queste le ultime sulle probabili formazioni di Palermo-Venezia.

Come arriva il Palermo

Il Palermo spera di poter contare ancora una volta sul fattore campo nella prima delle due semifinali contro il Venezia. I pochi giorni di riposo potrebbero essere ricompensati dalla spinta del pubblico dello stadio Renzo Barbera. Servirà capitalizzare al massimo questa opportunità, per ottenere un buon risultato da difendere allo stadio Pier Luigi Penzo. Ricordiamo che, al termine dei 180 minuti, se il risultato complessivo delle due gare sarà di parità, passerà il Venezia in virtù del miglior piazzamento in campionato.

Michele Mignani deve fare i conti con gli acciaccati. Oltre il lungodegente Mamadou Coulibaly non avrà Pietro Ceccaroni. Il difensore è uscito anzitempo dalla sfida contro la Sampdoria, a causa di un problema alla coscia. Data l’assenza dell’ex centrale del Venezia, è ballottaggio tra Ivan Marconi e Ionut Nedelcearu, col rumeno in leggero vantaggio.

Altro dubbio potrebbe crearsi a centrocampo, dove dovrebbe rivedersi dal primo minuto Claudio Gomes. Il francese dovrebbe ritrovare il suo posto al centro del reparto. In questo caso, Filippo Ranocchia può essere tenuto come arma da gara in corso, con Federico Di Francesco pronto ad agire come raccordo tra centrocampo e attacco. Matteo Brunori agirebbe così, ancora una volta, leggermente più arretrato rispetto a Edoardo Soleri. Un modo per non dare punti di riferimento agli avversari. Da valutare, infine, la carta Francesco Di Mariano, utile a gara in corso.

Come arriva il Venezia

Il Venezia arriva alla gara d’andata con il Palermo pienamente riposata e con tanta voglia di riscatto. I lagunari vogliono riprendere quella Serie A appena sfiorata nel primo tempo contro lo Spezia e poi persa per la rimonta dei liguri. Gli arancioneroverdi sanno benissimo che hanno un buon vantaggio sui rosanero, ma che la sfida dello stadio Renzo Barbera potrebbe essere una trappola molto pericolosa. Sbagliare l’approccio alla gara potrebbe essere fatale.

Il tecnico del Venezia, Paolo Vanoli, sa già che non potrà contare sul difensore Giorgio Altare e sul centrocampista Mikael Ellertsson, entrambi squalificati. Per il resto, rosa al completo per gli arancioneroverdi che confermeranno quasi certamente il 3-5-2. Marin Šverko, Michael Svoboda e Jay Idzes comporranno il trio difensivo. Sugli esterni Francesco Zampano e Antonio Candela sono in vantaggio su Nicholas Pierini e Bjarki Bjarkason, che garantirebbero maggiore presenza offensiva.

Sulla mediana viaggia verso la conferma Magnus Kofod Andersen, che dovrebbe fare reparto con Gianluca Busio e Tanner Tessman. In attacco ci sarà la coppia collaudata, composta dal danese Christian Gytkjaer e il finlandese Joel Pohjanpalo.

LEGGI ANCHE -> Palermo-Venezia, biglietti in vendita su Vivaticket: come acquistare

Palermo-Venezia, le probabili formazioni

Alla luce di quanto scritto, ecco le probabili formazioni di Palermo-Venezia, gara valevole per la semifinale d’andata dei playoff di Serie B.

Palermo (3-4-2-1): Desplanches; Graves, Lucioni, Nedelcearu; Diakitè, Segre, Gomes, Lund; Di Francesco, Brunori; Soleri. Allenatore: Mignani.

Venezia (3-5-2): Joronen; Idzes, Svoboda, Sverko; Candela, Andersen, Tessmann, Busio, Zampano; Pohjanpalo, Gytkjaer. Allenatore: Vanoli.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli