spot_img

Palermo, esonero Corini e nuovo allenatore: da Grosso a Gattuso, le ipotesi

Come abbiamo scritto, sembra che l’esonero di Eugenio Corini da parte del Palermo possa essere sempre più vicino. Il tecnico, dopo due anni di alti e bassi e di un rapporto con l’ambiente lontano dall’essere idilliaco, non è più saldo sulla panchina rosanero. Anche una società targata City Football Group, nonostante la sua politica conservativa e la fiducia incondizionata data all’allenatore, si stia guardando intorno. Tanti i nomi di allenatori accostati al Palermo in caso di esonero di Corini. Proviamo quindi a fare un po’ il punto della situazione.

Palermo, i nomi in caso di esonero Corini

Se l’esonero di Eugenio Corini diventasse realtà, quali sono i possibili candidati che il Palermo potrebbe valutare? Già in passato si è parlato di sondaggi con altri tecnici, che poi hanno preso altre strade e sono andati ad allenare in Serie A. Ad esempio Filippo Inzaghi, che ha preso le redini della Salernitana per alcune partite, prima di essere esonerato. Oppure Luca Gotti, oggi tecnico del Lecce, ma che poco tempo fa sembrò ad un passo dai rosanero. Tutti nomi, però, respinti al mittente in funzione di una difesa del progetto tecnico del Palermo senza se e senza ma. Quindi anche della guida tecnica di Eugenio Corini.

Oggi sembra che le cose siano cambiate e si torna a parlare di sondaggi in seno al City Group per cambiare guida tecnica. Tra i nomi più gettonati, si è parlato Fabio Grosso e Gennaro Gattuso, due allenatori che hanno un legame passato col Palermo. L’ex terzino è stato un giocatore dei siciliani tra il 2004 e il 2006, mentre Gattuso si è seduto sulla panchina dei rosa all’inizio della stagione 2013-14, prima di lasciare spazio Beppe Iachini. Nelle ultime ore è salito in auge anche il nome di Andrea Sottil, ex tecnico dell’Udinese che ha un passato anche in Sicilia, avendo allenato il Siracusa e il Catania. Ma non sarà lui a guidare i rosanero al posto di Corini, viste le regole sugli esoneri in Serie A.

Ma non solo questi i soli nomi che potrebbero essere valutati. Grazie alle nuove norme stabilite dalla Lega Serie B, un tecnico esonerato in questa categoria entro il 20 dicembre dell’anno corrente può oggi tornare in panchina. Ecco, quindi, che diventano appetibili nomi come Pierpaolo Bisoli, Moreno Longo, Michele Mignani, Leonardo Semplici. Infine, ci sono altri nomi che, invece, sono svincolati da più tempo e potrebbero essere valutati: Massimo Oddo, Gianni De Biasi o Marco Giampaolo, accostato diverse volte anche lui al Palermo.

Ipotesi traghettatore e nuovo tecnico a giugno?

Al momento è difficile dire quali allenatori possano essere più o meno vicini al Palermo. Chiaramente, il City Group avrà tutta l’intenzione di scegliere un profilo adatto, in primis, a dare una scossa all’ambiente. Ci sono dei playoff da giocare e i rosanero hanno un obbligo, verso sé stessi e verso la piazza: quello di onorarli al meglio delle loro possibilità. Però bisogna capire se la società lavori già su un tecnico in ottica prossima stagione, oppure su un’altra ipotesi. Si potrebbe pensare, infatti, ad un traghettatore sino al 30 giugno 2024 per poi ragionare su altri profili.

Chiaramente, il Palermo potrebbe attirare qualche nome anche di Serie A, avendo alle spalle una società solida come il City Group. Va detto, inoltre, che nel massimo campionato italiano diversi allenatori hanno un contratto sino al termine della stagione (con eventuali clausole di rinnovo a obiettivi raggiunti). Però, tecnici come Marco Baroni, Davide Nicola o Eusebio Di Francesco potrebbero essere attratti da una chiamata del Palermo in ottica 2024-25. Oppure, lo stesso Filippo Inzaghi, che in questa stagione non può più tornare ad allenare, ma che è già a caccia di una squadra per il prossimo anno. In questo senso prenderebbe corpo l’ipotesi di un traghettatore sino a fine torneo.

Ma il rebus allenatore è tutt’altro che sciolto. L’evoluzione della vicenda è costante e le novità potrebbero arrivare da un momento all’altro. Da non escludere anche possibili riflessioni sul direttore sportivo, Leandro Rinaudo, che di Corini è stato uno dei più strenuo difensore. Ma al momento il focus è sulla panchina del Palermo.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli