spot_img

Palermo a City Group, Lagalla: “Grazie a Mirri, futuro ambizioso. Comune disposto a dialogo”

Roberto Lagalla gioisce per il passaggio del Palermo nelle mani del City Football Group. Il sindaco del capoluogo siciliano ha un rapporto speciale con la formazione rosanero. Nello stesso giorno, infatti, l’ex rettore dell’Università palermitana è stato eletto come primo cittadino mentre gli uomini di Silvio Baldini battevano il Padova e riportavano la squadra in Serie B. Non si può dire, dunque, che non ci sia un legame particolare tra la squadra e il sindaco della città.

Lagalla si è espresso in forma ufficiale attraverso un comunicato. Qui il candidato del centro-destra alle ultime elezioni amministrative ha espresso soddisfazione e felicità per questo cambiamento radicale. Un passaggio ulteriore dopo la promozione in cadetteria: “Accolgo con grande entusiasmo la notizia del passaggio delle quote azionarie di maggioranza del Palermo Fc a un nuovo gruppo di proprietari. Dopo il bellissimo traguardo della promozione in Serie B, per i colori rosanero sta per arrivare un’altra svolta storica”.

Palermo a City Football Group, la soddisfazione di Lagalla

Nella nota ufficiale diffusa dall’ufficio stampa del Comune di Palermo Lagalla ha espresso gratitudine nei confronti di Dario Mirri. Il comunicato ufficiale prosegue così: “L’auspicio, da Sindaco e da tifoso del Palermo, è che la nuova proprietà possa migliorare i risultati sportivi fin qui ottenuti rendendo maggiormente orgogliosi della propria squadra la tifoseria. Da parte mia, il sentito ringraziamento al presidente Dario Mirri, il quale, con la chiusura di questa trattativa, ha dimostrato il suo attaccamento da vero tifoso per garantire un futuro importante e ambizioso al club, dopo un ciclo di tre anni che ha portato prima alla rinascita e poi a due promozioni. L’Amministrazione comunale sarà sempre disponibile a instaurare un dialogo sempre aperto con la nuova società”.

Dunque il nuovo primo cittadino di Palermo esprime soddisfazione. Il calcio a Palermo può tornare a risplendere. Magari anche con l’aiuto delle istituzioni.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli