spot_img

Palermo Catanzaro (risultato 1-2), highlights: Stulac non basta, disastro rosa per 80′

Ennesimo disastro per il Palermo contro il Catanzaro tra le mura amiche del “Renzo Barbera”. I rosanero di Eugenio Corini affossano sotto i colpi di Iemmello e compagni per 80′ giocati in totale sbando. Nel finale Stulac da subentrato addolcisce il punteggio, ma non basta per evitare la sconfitta. Le previsioni d’altronde non potevano che essere queste dato il momento che la squadra sta vivendo. Di certo non si potrà dire che bisogna ripartire dalla prestazione odierna.

LEGGI ANCHE -> Palermo Catanzaro, le pagelle: Gomes da horror, Stulac l’unica luce

Palermo Catanzaro: le formazioni ufficiali

La formazione ufficiale del Palermo per il match contro il Catanzaro è inedita. Eugenio Corini è costretto a rimaneggiare il suo undici a causa delle numerose assenze. Ultima delle quali quella di Coulibaly, fuori a causa di una sindrome febbrile accusata nelle scorse ore. È per questo motivo che la difesa, davanti a Pigliacelli, è a 3, con Lucioni al centro affiancato da Mateju e Marconi. Il centrocampo è a 4 con Buttaro e Lund sulle fasce, con in mezzo Segre e Gomes. In avanti tradie composta da Di Mariano, Brunori e Mancuso.

Non cambia invece molto il Catanzaro per questo anticipo. Davanti a Fulignati la difesa è a 4 con Veroli, Brighenti, Scognamillo e Katseris. A centrocampo Vincenzo Vivarini continua ad affidarsi a Vandeputte, punto fermo di questa squadra. In mediana confermati anche Ghion e Pompetti. Dall’altro lato invece a vincere il ballottaggio è Sounas, con Oliveri che resta in panchina. L’attacco è affidato al duo composto da Iemmello e Biasci.

Palermo Catanzaro: risultato 0-1 al 45′

È un primo tempo equilibrato quello tra Palermo e Catanzaro al “Renzo Barbera”, ma all’intervallo il risultato vede i rosanero sotto. L’avvio della squadra di Eugenio Corini era stato positivo. Al 3′ c’è un cross di Buttaro all’indirizzo di Brunori, ma il pallone viene respinto da Fulignati. Il capitano reclama una trattenuta da Scognamillo e chiede il calcio di rigore. Il direttore di gara e il VAR non sono però dello stesso avviso.

Non sarà l’unica decisione dell’arbitro che farà infervorare i padroni di casa. Al 10′ infatti Di Mariano viene subito ammonito per un fallo su Ghion. Poco dopo c’è uno scambio tra Mancuso e Segre, ma quest’ultimo viene atterrato da un avversario. Non è abbastanza per ottenere un calcio di punizione.

Al quarto d’ora arriva anche la prima occasione per il Catanzaro con un tiro di Katseris che viene servito in area da Soulas, Pigliacelli è ben piazzato e la mette in calcio d’angolo. Quest’ultimo non si rivela proficuo. Poco dopo viene ammonito Vandeputte per un fallo su Di Mariano, ristabilendo la parità per quel che concerne i cartellini.

Al 26′ c’è un’occasione interessante per il Palermo con Gomes che recupera un pallone e lo cede a Buttaro, che serve in profondità Brunori. La sfera è veloce e l’attaccante ci arriva al volo, sparandolo di poco alto sopra la traversa. Il guardalinee segnala però che era in posizione di fuorigioco.

Né i padroni di casa né gli ospiti riescono a essere concreti. Nessun tiro fino alla mezz’ora inquadra lo specchio della porta. Al 35′ un tiro di Mancuso termina tra le braccia del portiere. Poi ci prova Di Mariano da calcio di punizione, ma nulla da fare. È un Palermo che non abbandona l’area avversaria, ma che crea di fatto zero pericoli al Catanzaro.

La beffa arriva però nel finale coi giallorossi che chiudono il primo tempo in vantaggio. La squadra di Vincenzo Vivarini sfrutta una serie di rimpalli per andare in rete al termine di una azione confusa. Dopo un erroraccio di Gomes il pallone arriva al centro dell’area piccola e Marconi da terra non riesce toglierla dalla disponibilità degli avversari, tanto che Iemmello la agguanta e la spedisce dentro. I rosa rientrano negli spogliatoi sotto una pioggia di fischi.

Palermo Catanzaro, risultato finale 1-2: Corini ancora male

Le due squadre rientrano in campo per il secondo tempo ed Eugenio Corini compie subito un cambio: dentro Henderson per Di Mariano. Una sostituzione non di certo offensiva. Il centrocampo più coperto non è sufficiente però al Palermo per evitare il peggio.

Al 47′ c’è infatti ancora un regalo di Gomes che tiene tutti gli avversari in gioco e permette al Catanzaro di ripartire in contropiede. La difesa resta a guardare e Iemmello la spedisce in rete per lo 0-2. I rosanero sbandano dopo il raddoppio e gli ospiti sfiorano ripetutamente il tris.

Prima con un cross basso di Katseris, poi con una conclusione di Iemmello da calcio d’angolo. Pochissime le indicazioni di Eugenio Corini per dare una reazione ai suoi. L’allenatore preferisce farlo attraverso i cambi. Al 57′ escono Mancuso, Lund e Marconi per Di Francesco, Valente e Aurelio. È un ritorno al 4-3-3 dopo l’esperimento tattico che ha convinto poco e prodotto meno.

Anche le sostituzioni però servono a nulla. Il Catanzaro ormai trova campo libero su ogni pallone. Al 63′ c’è il palo di Vandeputte, che rientra sul destro e nel tentativo di andare sul 0-3 colpisce l’esterno del legno. Poco dopo a rendersi ancora pericoloso è Iemmello, con Mateju che fa quel che può per chiuderlo. Intanto due sostituzioni per gli ospiti: entrano Oliveri e Miranda per VandeputteKatseris.

Al 69′ si rivede il Palermo con un tiro di Henderson, ma Fulignati si fa trovare pronto. Intanto, dopo le ammonizioni di Buttaro e Pompetti, arrivano altre sostituzioni: negli ospiti entrano Stoppa, Pontisso e Ambrosino; nei padroni di casa Stulac rivela uno disastroso Gomes. È proprio questo cambio che dà la scossa ai rosanero.

La squadra di Eugenio Corini accorcia infatti le distanze all’80’ proprio col neo-entrato. Stulac approfittando di un cross di Valente anticipa Brighenti e spedisce il pallone in rete di testa per l’1-2. Poco dopo Segre prova ad agguantare il pari con un tiro forte che viene respinto da Fulignati.

L’arbitro concede 7 minuti di recupero e i rosanero possono ancora crederci. Su un calcio di punizione Di Francesco però spreca tutto mandando il pallone tra le braccia del portiere avversario. Poi tante azioni offensive confuse, che non bastano a evitare il ko. Ancora pioggia di fischi. Dice basta il “Renzo Barbera”.

Palermo Catanzaro, gli highlights del match

Di seguito, appena disponibili, gli highlights di Palermo Catanzaro, gara terminata sul risultato di 1-2.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli