spot_img

Como Palermo (risultato 3-3), highlights: rosa ingenui, follia Marconi nel finale

Ennesima partita ricca di gol e stavolta anche di rimpianti del Palermo, che a Como chiude di nuovo sul 3-3. I rosanero giocano un ottimo primo tempo, dominando in lungo in largo, ma senza concretizzare quanto fatto. Nel secondo tempo invece succede di tutto. Prima il Como ribalta la partita, con l’ennesima volta rimonta subita dal Palermo. Poi, con caparbietà e fortuna, i siciliani sembrano poter riagguantare la vittoria nel finale. Infine l’ennesima beffa finale, causata da una clamorosa ingenuità di Marconi. Un regalo di Natale inatteso e che regala un rigore a partita quasi conclusa agli avversari. Distanze invariate per le due squadre, con il Como che sale a 32 punti e il Palermo che rimane a tre di distanza, a 29.

LEGGI ANCHE -> Risultati Serie B oggi: da seguire Parma-Ternana e Venezia-Lecco

Como-Palermo, le formazioni ufficiali

Nell’ultima partita da capo allenatore del Como, il tecnico spagnolo Fabregas sceglie di scendere in campo con il 3-5-2. Davanti a Semper in porta ci sono Curto, Odenthal e Solini. L’ex rosanero Sala e Cassandro presidiano le fasce, mentre in mediana giocano Baselli, Abildgaard e capitan Bellemo. Coppia d’attacco formata da Cutrone e Da Cunha.

Il Palermo risponde con il suo solito 4-3-3, con qualche cambiamento, già annunciato alla vigilia. Corini, davanti a Pigliacelli, conferma Graves nella linea difensiva e inserisce Nedelcearu al posto dell’assente Lucioni. Completano il reparto Marconi e Lund. A centrocampo torna titolare Henderson, che affianca Gomes e Segre. In avanti trio confermato: Insigne e Di Francesco agiscono a supporto di Brunori.

Il racconto del primo tempo

Il Palermo parte subito forte, premendo il Como nella propria metà campo e già dopo pochi secondi ha una grande chance. Sugli sviluppi di corner, Henderson calibra un cross perfetto per Marconi. Il centrale stacca di testa ma sfiora solamente la porta avversaria, con la palla che esce sul fondo di poco. Dopo questo avvio la partita si stabilizza, con i rosa che controllano maggiormente il possesso palla.

Ma i siciliani sembrano più pericolosi degli avversari e alla fine passano in vantaggio. Invenzione verticale di Gomes, che lancia rasoterra e in profondità per Di Francesco. L’ex Lecce a tu per tu con Semper non sbaglia, grazie un tiro col sinistro perfettamente angolato. Il Palermo domina e sfiora al 27′ il raddoppio con Insigne. Il numero 11 sfoggia la specialità di famiglia, un tiro a giro mancino che disegna una parabola quasi perfetta. Solo un grande intervento e la traversa negano il gol all’attaccante.

Il Como è in seria difficoltà e non riesce a rispondere al Palermo, che controlla tutto sommato in tranquillità. Anche se nella seconda parte del primo tempo, qualche apertura di campo dei biancoblu trova un po’ scoperto il lato destro della difesa rosa. Di fatto l’unica occasione dei comaschi nasce da una combinazione tra Cutrone e Sala, col terzino che scaglia un sinistro su cui è attentissimo Pigliacelli. L’arbitro Pairetto ha però fermato tutto per un fuorigioco (dubbio), mandano le squadre negli spogliatoi. Il risultato di 0-1 sembra addirittura stare stretto al Palermo che ha tenuto facilmente il controllo del pallone.

Secondo tempo

Ad inizio della ripresa entra Aurelio per un Lund acciaccato nel Palermo e gli ingressi di Chajia e Gabrielloni per il Como. Giusto il tempo di battere il calcio d’avvio del secondo tempo e i biancoblu trovano il pari. Curto accompagna l’azione d’attacco e mette in mezzo un cross preciso per la testa di Cutrone. L’ex Milan, perso da Marconi nella marcatura, è libero di staccare e battere Pigliacelli alla prima vera occasione di tutta la partita.

Le due squadre si aprono, alla ricerca del gol. Ci prova il Como, da azione d’angolo con Abildgaard, ma il colpo di testa è controllato facilmente da Pigliacelli. Risponde il Palermo, sprecando un contropiede con Di Francesco. Il gol è nell’aria e i padroni di casa sembrano maggiormente in partita adesso. Così, al 58′, un cross di Curto viene trasformato in gol da Gabrielloni, perso ancora una volta dai centrali difensivi rosanero. Ennesimo blackout del Palermo ad inizio ripresa che vanifica il primo tempo.

I rosa stavolta incassano rapidamente e ritrovano il pareggio al 64′. Il merito è dell’ennesimo colpo di testa di Segre, con Brunori che mette in mezzo un cioccolatino per il numero 8. Il centrocampista firma il suo 4° gol stagionale. Tante proteste però del Como per il calcio d’angolo da cui è nato il gol. Infatti Pairetto concede il corner nonostante sia Henderson a deviare sul fondo un tentativo di Di Francesco.

Dopo il 2-2 la partita si blocca un po’, con tanti cambi da una parte e dall’altra. Sembra che il risultato debba rimanere tale, invece la partita riserva ancora sorprese nel finale. All’82’ il neo entrato Stulac disegna una punizione perfetta per la testa di Graves, che insacca il 2-3. Poi a tempo quasi scaduto l’ingenuità clamorosa di Marconi, che colpisce con un pugno allo stomaco Curto. Pairetto, richiamato al Var, espelle Marconi e assegna il rigore che viene trasformato da Verdi. Il finale è confuso ma il risultato non cambia. Tanto rammarico per il Palermo che come a Parma si butta via, facendo un grande regalo di Natale al Como.

Como-Palermo, gli highlights del match

Andiamo a vedere gli highlights di Como-Palermo, match terminato col risultato di 3-3.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli