spot_img

Catania, Bocic: “Abbiamo fiducia in Tabbiani, momento no si può superare”

Dopo la partita del suo Catania con l’Avellino parla anche Milos Bocic, con l’attaccante che commenta in maniera chiara così la prova dei rossazzurri: “Dopo il rigore abbiamo avuto altre chance per segnare, nel calcio si vive di episodi e vince la squadra più concreta. Se nel primo tempo avessimo concretizzato quello che abbiamo creato staremmo parlando di un 5-1”.

Catania, Bocic: “Se gioco vicino la porta posso far meglio”

Bocic parla poi dello spogliatoio del Catania, ribadendo che c’è grande unità e tutti sono orientati a superare il momento negativo. Un cenno anche sulla sua posizione in campo, con l’attaccante che sottolinea come stando più vicino alla porta sia più facile per lui creare occasioni: “Riguardo la mia posizione, se sono vicino alla porta posso essere più pericoloso. La fiducia nell’allenatore da parte nostra c’è, siamo uniti nello spogliatoio nonostante il momento complicato. Credo però che possiamo superare tutto lavorando e andando avanti”.

Catania, Rapisarda: “Momento difficile, bisogna lavorare uniti per superarlo”

Parola poi a Rapisarda, col terzino rossazzurro che parla del momento dei suoi con grande ottimismo e voglia di migliorare: “Sapevamo che non poteva essere tutto rose e fiori. Periodo difficile, bisogna saper reagire e guardare avanti. Giuste le critiche, prima o poi doveva arrivare un momento di difficoltà, è fisiologico. Il nostro lavoro è questo, nessuno ha la formula magica per risolvere il problema. Dobbiamo solo lavorare, per me è stato difficile stare fuori a lungo, era il primo infortunio serio in carriera. Lo spogliatoio è unito, stiamo cercando di capire cosa sbagliamo per arrivare a migliorare”.

Infine, un commento dello stesso terzino su come lo spogliatoio vive il momento e sulla fiducia nel suo allenatore: “Vivo male questa situazione come tutti gli altri miei compagni, perché viviamo anche la città. Cerco di dare una mano a tutti, essendo questa la mia città, e spero presto saremo fuori da questo momento. Per quanto mi riguarda sto meglio, dopo 58 giorni fuori. Cerco di lavorare per riprendere la mia forma il prima possibile. Brutto che il mister abbia tutti contro, non è solo colpa sua. Dobbiamo dividerci le colpe tra tutti per cercare di andare avanti e ripartire”.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli