spot_img

Catania, Baldini rompe il silenzio: “Emozioni uniche, orgoglioso della città”

Francesco Baldini rompe il silenzio e, a modo suo, mette un punto alla sua avventura sulla panchina del Catania. L’allenatore avrebbe desiderato farlo sul campo, ma ciò non è stato possibile. Il Tribunale, dopo la mancata acquisizione da parte dell’imprenditore Benedetto Mancini, ha infatti revocato l’esercizio provvisorio agli etnei, sancendo la loro estromissione dal campionato di Serie C. È per questo motivo che i rossazzurri non potranno scendere in campo nelle ultime gare della stagione. La squadra e il mister, quest’oggi, hanno salutato per sempre i tifosi davanti a Torre del Grifo. Un bagno di folla, tra lacrime e ringraziamenti, che racchiude l’impresa gloriosa che è stata portata avanti in questa annata drammatica. Un “grazie” indelebile che il tecnico ha voluto imprimere anche in un lungo messaggio pubblicato sui social network.

Il messaggio di Francesco Baldini al Catania

“Chi ha avuto modo di conoscermi sa perfettamente che ripudio il clamore delle notizie causate dai poteri forti e per questo ho deciso dì non rilasciare alcuna intervista a seguito della revoca dell’affiliazione alla società fallita Calcio Catania S.p.A. Non rilascio interviste Perchè le
persone autori di questa vicenda non meritano le attenzioni che invece meritano le persone che hanno reso la città dì Catania protagonista nel campionato dì Lega Pro. I tifosi, i calciatori, lo staff dirigenziale, i dipendenti e i miei collaboratori. Di queste persone e circostanze voglio parlare in questo mie poche righe di saluto.

Catania non è solo una squadra di calcio. È una città che ti regala panorami dalle emozioni uniche. Catania ti regala persone dalle sensazioni nobili. Catania e il Catania sono il punto dì incontro di passione, di voglia di vincere, di voglia di far sentire di essere presente nello scrivere un pezzettino nuovo di storia giorno dopo giorno. E questo punto di incontro era il “Massimino”. E qual è l’oggetto che unisce questi sentimenti? La Maglia. A strisce Rosso Azzurre. Resa pesante dalla storia della città e dalla complessità degli astratti significati. Il calcio, le partite della domenica, hanno un valore in punti, hanno un valore economico. Ma hanno un valore che non è secondo a questi due aspetti, anzi. È il rispetto per la Maglia. E, a mio modo di vedere, la maglia si rispetta dedicandole tutti i giorni il sudore, dedicandole tutti i giorni serietà e umiltà. Sento forte dentro di me l’orgoglio quando i tifosi rispettano la Maglia dedicandole la loro voce, i loro cori, i loro applausi. lo ci ho provato, fino ad oggi, quando ho chiesto di poter scendere in campo alle 14,30 per permettere ai tifosi dì salutare la squadra e alla squadra do apprezzare fino in fondo le lacrime dì questa gente a cui è stato sottratto il sorriso.

È, in questo momento, importante far sapere ai Catanesi, che il Catania è fatto anche di persone che tutti i giorni lavorano cercando di apportare il loro contributo anche se il loro ruolo è lontano da telecamere e palcoscenico e che ci hanno provato insieme a me, con Dedizione
e Caparbietà. Ed è loro che voglio ringraziare per primi. Grazie a tutti i tifosi. A tutti i cittadini di Catania, che in ogni modo hanno cercato di farmi sentire Catanese.

A presto
Francesco Baldini”, questo il commovente messaggio.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli