spot_img

Akragas, Coppa: “Soddisfatto dell’esordio, aspettiamo di essere al 100%”

L’Akragas ha vinto nel turno preliminare di Coppa Italia Serie D, battendo prende la Nuova Igea Virtus per 3-0. Allo stadio Esseneto è andata quindi in scena la rivincita dell’ultima Coppa Italia Eccellenza, quando sono stati i giallorossi a vincere sui biancazzurri. Il successo porta le firme dell’ex Catania Cristian Llama (a segno su rigore), Angelo Rechichi e Salvatore Le Mura. Il tecnico dell’Akragas, Marco Coppa, ha parlato del successo in questo trofeo in sala stampa durante la conferenza.

LEGGI ANCHE -> Siracusa, Cacciola: “Risultato non conta, dopo il gol abbiamo smesso di giocare”

Akragas, Coppa: “Ho visto tante cose buone. Conoscevo bene l’Igea Virtus”

Queste le parole di Coppa dopo Akragas-Nuova Igea Virtus: “Oggi, soprattutto nella prima frazione abbiamo fatto una buona partita, con grande intensità e attenzione tattica. Ho visto diverse giocate che hanno fatto divertire il pubblico presente allo stadio. Sono molto soddisfatto”.

“Abbiamo preparato bene la partita sul profilo tattico” dice Coppa. “Questi avversari li conosco bene, avendoli affrontati 4 volte, so come approcciano le gare. Siamo stati bravi, se non bravissimi, ad affrontare questa squadre e soprattutto a fare nostri in settimana certi principi per metterli in atto in partita. La tenuta atletica non può essere ancora al 100%. Ci sono alcuni giocatori che troveranno la condizione prima per caratteristiche e costituzione, mentre altri la prenderanno dopo. Qualcuno andrà aspettato per qualche settimana”.

Coppa: “Bene col 4-2-3-1, l’allenatore deve mettersi a servizio della squadra”

Sul cambio modulo proposto, Coppa dice: “Abbiamo giocato 4-2-3-1, anche se inizialmente avrei voluto giocare con una difesa a 3. In ritiro, dopo pochi giorni, col mio staff abbiamo capito che non era possibile fare questo. In questi casi è l’allenatore che si deve mettere a disposizione dei giocatori presenti in organico. Questo modulo mi piace tanto e oggi ho la conferma che questa squadra può fare questo sistema”

“Ho apprezzato la fase di non possesso, lo spirito di sacrificio mostrato da tutti, in primis dagli attaccanti. Abbiamo tanta qualità e si sono viste belle cose, ma la fase di non possesso che mi è piaciuta di più. Posso fare affidamento su giocatori, anche avanti con l’età, ma che corrono tutti indietro quando c’è da sacrificarsi”, conclude il tecnico dell’Akragas.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli