spot_img

“La gestione del lavoro sportivo”: l’evento di EBISport alla Confcommercio

La gestione del lavoro sportivo”, evento organizzato da EBISport, si è svolto giovedì 8 giugno presso la sede della Confcommercio a Palermo. Il fine del convegno è stato quello di favorire la corretta informazione in merito ai cambiamenti epocali che il settore si prepara a vivere, soprattutto in riferimento all’introduzione della Riforma dello Sport e al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, temi di cui il Governo sta discutendo ormai da tempo e che presentano tuttora alcune incognite. 

L’incontro è stato il secondo dei tre promossi dall’Ente bilaterale dello Sport presieduto da Luca Stevanato con la partecipazione della Confederazione dello Sport-Confcommercio Imprese per l’Italia e di SLC-Cgil, Uilcom-UIL e Fisascat-CISL. L’inaugurazione è avvenuta a Roma, mentre l’ultimo degli impegni andrà in scena a Milano

Gli esponenti del panorama professionale sportivo locale presenti nella tappa siciliana sono stati numerosi. Tra questi anche l’assessore allo Sport del Comune di Palermo Sabrina Figuccia, la quale ha voluto sottolineare il forte legame tra le discussioni sulla Riforma dello Sport e la Giornata Internazionale dello Sport, celebrata proprio lo scorso weekend nel capoluogo. Inoltre, non sono mancati all’appello i punti di vista degli esponenti degli ordini professionali.

I saluti iniziali dell’evento sono stati formulati da Patrizia Di Dio, Vice Presidente di Confcommercio nonché Presidente di Confcommercio Palermo. “La riforma è un’evoluzione epocale per le imprese e per i lavoratori autonomi. Il nostro compito è quello di dare una corretta informazione che consenta ad ognuno di effettuare delle scelte corrette, nonché di assumere il ruolo di traghettatori in un percorso che non escluderà delle problematiche. I costi che ogni associazione dovrà effettuare sono infatti importanti, per cui è necessario un sostegno da parte delle istituzioni. Le associazioni dilettantistiche, in particolare, dovranno avere la possibilità di operare garantendo una sostenibilità nei confronti di se stesse e dei lavoratori”, ha affermato.

Prima di dare la parola ai numerosi ospiti illustri presenti, anche Luca Stevanato, presidente di EBISport, ha introdotto i temi del giorno, ponendo l’accento sul ruolo degli enti a sostegno dei lavoratori. “È necessario sottoscrivere al più presto il Contratto Collettivo. È uno strumento necessario per coloro che operano nel mercato del lavoro nello sport. È fondamentale incentivare il lavoro e la nuova Riforma dello Sport rappresenta un importante assist per il mercato. Il nostro compito è quello di girare l’Italia e conoscerne tutte le realtà e le rispettive esigenze, partendo dal basso. Occorre prepararsi nel migliore dei modi alle novità provenienti dalla Riforma dello Sport per essere pronti a eventuali contromisure”.

Il concetto è stato rafforzato anche dal Consigliere Valter Vieri, il quale si è soffermato sulle responsabilità dell’Ente bilaterale a sostegno dei lavoratori e delle imprese. “Il nostro obiettivo è quello di portare avanti un nuovo Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori. Un contratto che, essendo inserito in un contesto come quello sportivo, non può non essere flessibile. Esso prevede al suo interno delle tutele per chi fa sport e per le associazioni. Non ci saranno solo forme di sostegno per la retribuzione, ma anche per il welfare”.

I punti di discussione riguardanti il tema sono ancora numerosi. A parlarne è stato il Coordinatore Nazionale UILCOM Roberto Corirossi. “Gli aggiornamenti sulla Riforma hanno consentito di portare avanti un confronto continuo con le varie associazioni. Lunedì ci sarà un  nuovo incontro con il ministro Andrea Abodi, al quale esporremo ancora una volta i nostri dubbi. Quello dello Sport è un settore particolare, gestito finora da norme non sempre rispettose delle leggi. Ci faremo carico di un nuovo contratto. A noi interessa che tutti rispettino le regole che avremo prefissato, nella tutela di un settore che coinvolge centinaia di migliaia di persone a vario titolo”, ha evidenziato.

Ad entrare ulteriormente nel dettaglio in merito al contenuto della Riforma dello Sport ci ha pensato Celestino Bottoni: il presidente di A.N.CO.T. (Associazione Nazionale Consulenti Tributari) ha sviscerato gli articoli più importanti, ovvero quelli che porteranno delle novità nella gestione dei lavoratori da parte delle associazioni sportive, sottolineando che le norme sono ancora in divenire. “Di recente sono arrivate delle nuove predisposizioni da Roma. Si tratta di un nuovo correttivo che va a sostituire quello precedente, che potrebbe essere sostituito a sua volta dopo l’incontro con Confcommercio. Quel che è serve è una chiarezza di fondo, che possa consentire a tutti i soggetti e alle associazioni coinvolte di operare nel migliore dei modi e nel rispetto dei lavoratori e dei loro diritti”.

I presenti, al termine degli interventi, si sono intrattenuti con i partecipanti dell’evento in un Question Time, che ha permesso loro di chiarirsi le idee in merito ad alcuni particolari case study. È evidente, ad ogni modo, che le discussioni sul tema siano destinate ad andare avanti per diverso tempo. “La Riforma dello Sport per com’è stata presentata non è lineare, ma implica vari aspetti sul piano della gestione del lavoro. Sono tanti gli interventi che abbiamo programmato e che verranno messi in atto, man mano che conosceremo i dettagli della Riforma”, ha concluso Fabio Gioia, Vice Presidente vicario Confcommercio Palermo.

- Advertisement -spot_img

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli